Archivio per novembre 2009

The Invisible African People in the Piana of Gioia Tauro

A never-ending tragedy engulfs illegal immigrants reduced to slavery as farm workers after the blaze that damaged their temporary shelter and injured many of them.

Africans in the Piana of Gioia Tauro region of Italy still live in inhuman conditions. Scattered among the villages of Rosarno, San Ferdinando and Rizziconi, they sleep in makeshift shelters or in old abandoned farmhouses, with only a sheet metal roof above their heads if they’re lucky.  Otherwise, in many cases, their houses are made of plastic bags. They don’t have water, electricity or toilets.  All of them arrived on Lampedusa Island by boat, after a trip of almost three years, having passed through the desert and the tortures and mistreatments of the prisons of Libya.  Now they live here, surrounded by a scrap heap. Their shower is a bottle of water behind a tinplate makeshift panel. So far, there are about one hundred people stuck in this situation, but it’s difficult to know the exact number.  Until two months ago the Africans used to sleep inside an abandoned industrial shed, called “the factory” by the squatters and best known in the newspapers as “Cartiera.” In July, a blaze burnt part of the building, especially the asbestos roof; after that, the local authorities closed it. During the summer, some of the African immigrants staying in Rosarno moved to another abandoned building close to a waste incinerator. Others went to the industrial zone, where fifteen of them live inside a small one-room house.  Even worse places are “La Rognetta” and “La Collina” (The Hill), located in the municipalities of San Ferdinando and Rizziconi. The first is what is left of an old orange juice factory located in the middle of town; the second is simply an open field surrounded by olive trees with two old farmhouses in the middle, whose roofs are broken down.  Everywhere, in this special territory of the “Piana’s Hell,” people sleep on the floor, on dirty mattresses, among flies, insects and garbage dumps. There’s no more hope in the eyes of these African workers, even if they’re just in their twenties. Still, they don’t give up.  “There’s no respect for human rights,” says Steve, a 25-year-old Ghanaian.  He was among the “Cartiera” Africans who last December  went to the Rosarno town hall to demonstrate after two Ghanians from the camp were seriously wounded  by a couple of Italians who shot them while they were walking in the street.  The two young Italians, probably connected with ‘Ndrangheta, the local branch of the Mafia, were arrested and one of them was condemned to 16 years in prison for attempted murder. Adding insult to injury, though, the authorities first promised then later denied work visas to the two wounded immigrants.

Steve remembers: “We went to the town hall to ask for protection and respect.” Their request seemed fair and natural to him. But they’re staying in Piana of Gioia Tauro, where the land is under the control of the ‘Ndrine, the Mafia families of the powerful and frightening crime bosses like Pesce, Piromalli and Molè, where ambushes and acts of violence are a way of life. This is why the brave protest of the Africans was a lesson in civility and dignity for the whole of Italy. In this ‘Ndrangheta land where there is no respect for official law, “sans papiers” immigrants come every year from other parts of Italy for seasonal jobs in agriculture: the orange-picking.  There’s a big business surrounding this illegal labor force. Landowners do not pay taxes and put the illegal immigrants at work for only 25 euros per day. And the illegal workers buy food in the supermarkets and discount stores around Rosarno. Authorities and police have been tolerating the phenomenon since 2003, when hundreds of Africans began sleeping in front of the town hall in protest, after being cleared out of an old public building, called the Villa Fazzari. Someone suggested that they move to the “Cartiera” and they stayed there until last July’s blaze.  It is still not clear who set the fire. Maybe it was an accident caused by a camping stove or a makeshift cooker. Maybe not. Every autumn there are at

 

least 1,500 illegal immigrants arriving in Rosarno to work in the orange fields. They usually leave with the approach of summer. Some of them remain in the town because they are illegal immigrants and they are afraid of the new government regulations which have established “illegal immigration” as a crime. Waiting for the orange-picking of October, they sit in front of their roofless houses, surrounded by debris, wondering what will happen to them tomorrow, next month, next year. No one takes care of them; the authorities do not provide any kind of assistance or housing. Only a few people from a spontaneous association and an immigrants’ watch group provide some small help, bringing them supplies like bottles of water.

 

Raffaella Cosentino                                                                                                                          September, 2009

 

Annunci

A place like Rosarno

Testo di Raffaella Cosentino – Fotografie di Pasquale Andreacchio

Duecento africani senza permesso di soggiorno vivono in condizioni aberranti nella Piana di Gioia Tauro. Con la stagione degli agrumi diventano più di mille e cinquecento.  Un anno fa la loro rivolta contro la ‘ndrangheta.

Rosarno (Rc) – Lo sguardo di David rotea senza centrare il bersaglio. Mentre mi parla le sue pupille vanno da un’altra parte. Forse fino in Ghana e ritorno. Scappano lontano come la sua anima. Non solo perché gli chiedo di ricordare il suo viaggio. Ho l’impressione che per lui sia diventato un modo per cercare di allargare la realtà. Per uscire dalla sua vita senza permesso di soggiorno nella Piana di Gioia Tauro. Mi tornano in mente le parole del film ‘I Cento Passi’. Tu sei Nuddu ‘mbiscatu cu nenti. Lì era una minaccia. Qui è una tenaglia che ti prende allo stomaco. Anche i discorsi di David spaziano senza un ordine apparente. “Daina. La mia mamma si chiama così”. “Davvero sei stata a Londra? Io parlo l’inglese della Regina. Queen Elizabeth is our mother, eravamo una colonia inglese”, mi dice, con una punta di orgoglio. Gli chiedo: “Come hai saputo di Rosarno…a place like Rosarno?” Non se lo ricorda più. Forse a Napoli. O a Bari. Da qualche parte, nella geografia dell’Italia clandestina, gli hanno detto che nella Piana c’era lavoro per lui. Guardiamo insieme dall’alto la ‘Cartiera’ bruciata. Seduti sul guardrail della statale che va al porto di Gioia Tauro. Io e David J. Lui ha qualche anno più di me, 31. Era soldato ed è partito. Non voleva morire. È passato dalla Libia. Da Lampedusa. Dal Cie di Foggia. Asilo politico rifiutato.

Le nostre strade si incrociano per qualche ora attorno al vecchio capannone. Sigillato dalle autorità dopo l’incendio del 20 luglio, dal 2003 aveva dato alloggio ai lavoratori stagionali della raccolta di agrumi. La cartiera è deserta. Si capisce subito. Non c’è più il muro di stoffa che costeggiava la strada. Erano i panni stesi ad asciugare sul fil di ferro della recinzione prospiciente. Siamo nel comune di San Ferdinando. Terra di nessuno, inferno, incubo? Non esiste una parola sola per raccontare il vortice di simboli che questi luoghi racchiudono. Relitto dell’industrializzazione abortita. Impianto sequestrato. Stabilimento che non ha mai aperto i battenti. L’hanno fatto e lasciato lì. Per sei anni è stato il rifugio di 600 africani. Soprattutto anglofoni. Ghanesi, sudanesi, nigeriani, maliani, ivoriani. Ragazzi del Togo, del Benin, del Burkina Faso. Per l’inverno tutta l’Africa si riparava in quel bunker. Senza luce. Con una ventina di bagni chimici Con fuochi e fornelli improvvisati. L’Africa delle Clementine. Sono gli agrumi della Piana. Con l’aspetto dei mandarini. Dolci come le arance. Frutti così belli e profumati che da queste parti l’aranceto lo chiamano ‘il giardino’. In Calabria sono prodotti a indicazione geografica protetta. Ma i lavoratori che le raccolgono in nero protetti non lo sono affatto. Circa 25 euro a giornata contro i 32 di un bracciante locale. Prelevati all’alba sulla strada dai piccoli proprietari terrieri, eredi dei contadini che nel dopoguerra lottarono per le terre.

L’Osservatorio Migranti stima che siano 1500 gli immigrati irregolari che ogni inverno arrivano a Rosarno, San Ferdinando e Rizziconi. Tre chilometri in linea d’aria. Un ritaglio di sud agricolo schiacciato tra aree industriali semidismesse e il porto di Gioia Tauro, centro degli affari e degli appetiti dei clan. Qui si consuma lo sfruttamento dei nuovi schiavi. Manodopera a bassissimo costo che compra cibo e ricariche telefoniche nei negozietti e discount della zona. Polli e galline dagli ambulanti. Le autorità hanno fatto finta di non vedere. Ora David vive con altri ghanesi in un altro stabilimento abbandonato vicino all’inceneritore. Hanno tutti tra i venti e i trenta anni. E una storia simile. Il loro viaggio in Italia è iniziato a Lampedusa ed è finito a Rosarno. “Sono passato dal Niger, da Agadez. Ho fatto tre anni in carcere in Libia, uno in Spagna. Sono in Italia dal 2006. Ho trentadue anni e non ho niente, nemmeno una fidanzata”. Il mio interlocutore allarga le braccia, come per mostrare il vuoto che lo circonda. “I have no hope” mi dice un altro. Ha solo 20 anni. “Cosa ricordi di quando sei partito?” “I forgot”, risponde. E io penso a Primo Levi. A quando racconta dei lager e della necessità di dimenticare la vita di prima per non impazzire. Se questo è un uomo. Che vive in mezzo a discariche di rifiuti. Che si lava con una bottiglia d’acqua. Che dorme in una casa di cartone foderata di sacchi di plastica. Che deve benedire il materasso lercio perchè lo divide dal pavimento. “E’ la casa del governo”, mi dice Ahmed il marocchino alla Rognetta, un ex stabilimento di trasformazione del succo d’arancia nel cuore urbano di Rosarno . Così gli hanno risposto i sei africani che si sono presi la sua capanna mentre lui era a lavorare in Toscana. Un altro marocchino vive da due anni dentro una pompa di sollevamento dell’acqua. Alla ‘Collina’, tra gli uliveti di Rizziconi, il rifugio sono due casolari con le tegole sfondate. Tra galline, fuochi all’aperto e montagne di spazzatura. Sembra un paradosso la pena di Peppe Pugliese, dell’Osservatorio, che si affanna a dire ai ragazzi di mettere all’ombra le casse di acqua da bere che gli ha procurato. La plastica sotto il sole è tossica. Fa male alla salute.

Davanti ai ricoveri senza tetto si è seduta un’umanità calpestata. Ma non piegata. Steve, 25 anni, del Ghana: “Non c’è rispetto dei diritti umani”. Era tra gli africani che a dicembre 2008 marciarono verso il municipio di Rosarno per protestare contro il ferimento di due di loro in un agguato mafioso. A casa dei Pesce, dei Bellocco, dei Piromalli e dei Molè, nel cuore della ‘ndrangheta più sanguinaria, gli africani hanno alzato la testa contro i proiettili. Alla Rognetta sembra che la speranza non sia mai stata avvistata. Eppure all’ingresso mi accoglie un Corano. Lo sta leggendo Jabee, che arriva dalla Nuova Guinea. Prima mi dice che in famiglia sono scappati tutti dalla guerra e che la moglie è ancora nelle carceri di Gheddafi. “Riesci a telefonarle?” gli chiedo. A quel punto trema: “Non è vero, sono morti tutti, pure mio figlio di due anni”. Solo con la fede si può. Mi ringrazia per avergli parlato. Non capita tutti i giorni. Meno male che c’è l’officina di Peppe Sergi, il biciclettaio. “Quando eravamo piccoli ci aggiustava le bici gratis, ora fa lo stesso con gli africani”, dice Pugliese che mi accompagna. Al muro c’è un manifesto elettorale del Pci di trent’anni fa. Come quelli che una sera di giugno del 1980 stava attaccando per le strade di Rosarno con Peppe Valarioti. “Non mi lasciare da solo, già la mia famiglia ha paura che mi ammazzano” gli aveva detto. Era mercoledì. Il sabato seguente, all’uscita da un ristorante dopo la vittoria elettorale, il dirigente comunista Valarioti fu ucciso a colpi di lupara. Aveva trent’anni. Un delitto rimasto impunito. Io e Peppe Sergi piangiamo insieme. A place like Rosarno. E’ troppo anche per noi calabresi.

Di Raffaella Cosentino

Copyright MOSAICI – ottobre 2009

La Rognetta - esterno

 

La Rognetta - interno, rifugio-dormitorio

La Rognetta – interno

 

La Collina

La Collina all'interno

Alloggio vicino all'inceneritore dei rifiuti

La vecchia Cartiera dopo l'incendio


L'incontro con David

Io e Peppe Sergi, il biciclettaio amico di Valarioti

LA MIA STORIA DA CLANDESTINO di Antun Blazevic

Tratto dal libro “Oltre la rete”, a cura di Serenella Pesarin (Direttore generale per l’attuazione dei provvedimenti giudiziari presso il Dipartimento di Giustizia Minorile) e Raffaele Bracalenti, psicoanalista, presidente dell’Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali , Edizioni Edup, marzo 2009

Questa è la mia storia, ho 47 anni, sono venuto in Italia 28 anni fa come clandestino. Uno straniero, una persona non di cittadinanza italiana. Se però provate a chiedermi di quale Paese sono originario, a quale nazionalità appartengo, vi risponderò che è troppo difficile per me poter dire: “Io sono croato, sebo o macedone”. E’ una storia complicata, una storia che accomuna tutti coloro che vengono dalla ex-Jugoslavia e, in particolare, gli zingari. Mia madre è una gagè (una ‘non-zingara’), una bosniaca cattolica, mentre mio padre è uno zingaro di religione ortodossa. I miei nonni materni sono uno zingaro e una bosniaca musulmana, quelli paterni un ortodosso e una cattolica. A ripercorrere tutto il mio albero genealogico, si rischia di perdersi. E io chi sono? Io sono solo un mezzo zingaro, un meticcio, un miscuglio, sono come il ‘pesto’. Da ragazzo ho vissuto in Slovenia, vicino Vinkovci, nella casa dei nonni: adesso è territorio serbo, ma quando ci abitavo io era zona croata, e ho avuto anche modo di giraare un pò per il paese; poi la decisione di andare in Italia in cerca di fortuna. Era il 17 gennaio 1980: un giorno dopo il mio diciannovesimo compleanno. Un bel modo di festeggiare! Non sono venuto con una carretta del mare: ho attraversato la frontiera a piedi, attraverso i boschi. Da Capo d’Istria ho raggiunto Trieste e da lì, in treno, sono arrivato a Roma. Per quasi sette mesi ho dormito nei treni o nelle stazioni della metropolitana, quasi sempre da solo, senza alcun punto di riferimento nella città. L’inserimento è stato molto lento e faticoso, finchè non ho iniziato a lavorare come restauratore di mobili presso un vecchio artigiano dei Parioli, che però morì solo qualche mese dopo. Per alcuni anni ho continuato a tirare avanti tra un lavoretto e l’altro. Non rubavo all’inizio, ma poi, quando non hai la possibilità di lavorare, di sopravvivere, non hai niente..devi per forza cominciare, e sono stato anche incarcerato. All’inizio degli anni Novanta sono rientrato in Jugoslavia per i fatti della guerra. Da che parte? Non importa più ormai, è storia passata. Comunque, mi sono fatto cinque anni di guerra. Poi, quando ho capito che ra una guerra inutile, che si moriva solo per avere due o tre metri quadrati di terra in più, che tutto sarebbe rimasto come prima, ho deciso di tornare in Italia. Così ho ripreso quella vita di espedienti e piccoli lavoretti.

Poi ho cominciato a stringere i rapporti con gli zingari di Roma e nona vendo la casa avevo deciso di trasferirmi nel campo Casilino 700. “Mi sono subito reso contyo dlele condizioni in cui vivono gli zingari in Italia e ho detto ragazzi svegliamoci, non si può viver così, dobbiamo fare qualcosa!”. Così ho iniziato a impegnarmi nell’associazionismo: facevo parte della A.R.G. ( Amicizia tra Rom e Gagé) ma non avevamo una sede ed era difficili trovare appoggi per le nostre iniziative. Comunque facevamo quel che potevamo, e per un bel pò ho tirato avanti. Finchè un bel giorno, nel 2000, mi hanno preso e mi hanno portato al Centro di permanenza temporanea di Ponte Galeria vicino Roma. Ricordo un impiegato che mi diceva: “Tu devi essere espulso, devi andare via, devi tornare al tuo Paese!” e io: “Scusa, se mi sai dire qual’è il mio paese, io ci torno volentieri!”. Il mio Paese, in realtà, non esiste più: prima si chiamava Jugoslavia, ora si chiama Croazia, Macedoonia, Montenegro…

E’ difficile dirlo esattamente quante persone eravamo all’interno del campo. C’era un continuo via vai; in media direi circa 80-90 persone, quando più, quando meno. Gli uomini dormivano da una parte, le donne e i bambini dall’altra. All’internod el centro operavano diversi corpi dello Stato: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, e a fianco delle forze dell’ordine operava anche un gruppo di volontari della Croce Rossa Italiana. Proprio tra questi volontari ho conosciuto quella che sarebbe diventata la mia compagna. Le giornate nel centro trascorrevano senza uno scopo apparente. Ogni tanto, due o tre immigrati, quelli dalla situazione giuridica più complessa, venivano portati presso diverse ambasciate, per capire in quale paese avrebbero dovuto essere rimpatriati. Io, lo zingaro jugoslavo, dovevo peregrinare per tutte le sedi diplomatiche dei paesi balcanici: Macedonia, Croazia, Bosnia, Romania..Da ogni parte dicevano: ” No, questo non è nostro, non possiamo riprendercelo noi!”. Un girono, per sbaglio, mi hanno portato pure in quella di Algeria, insieme ad un ragazzo nordafricano! Al campo ho conosciuto anche un mio compaesano, trasportatod a Rimini a Ponte Galeria, per essere espatriato. Dopo qualche giorno, viene messo sull’aereo  e portato a Sarajevo. A quanto pare hanno combinato qualche pasticcio con l’ambasciata perchè dopo poche ore l’hanno rimandato in Italia, a Ponte Galeria, dicendo che non era cittadino bosniaco!  […]

Noi zingari in questo siamo speciali, perchè prendiamo queste cose come un destino . e contro il destino non puoi combattere, l’unica cosa è accettarlo e prendere da ogni evento, da ogni luogo, quel poco di buono che ti può insegnare. So di essere fortunato ad avere questo carattere e questa storia. ma se penso a molti ragazzi, venuti per esempio dall’Africa, che si sono venduti le quattro cose che avevano per poter andare in quello che ritenevano un Paese civile, per costruire qualcosa. Dopo un paio d’anni devono tornare a casa senza un soldo, senza neanche i vestiti addosso, umiliati, senza il coraggio di presentarsi davanti alla propria famiglia. E’ per questo che alcuni immigrati di Ponte Galeria avevano le braccia fasciate, perchè si ferivano intenzionalmente con i vetri delle bottiglie, come estremo gesto di autolesionismo e disperazione.

Una volta uscito dal campo, scaduti i trenta giorni massimi di detenzione, sono tornato alle ambasciate jugoslave “Nons ei dei nostri – mi ripetevano tutti – non sei iscritto nel registro dei cittadini!” allora mi sono impuntato “Se è così scrivetemelo nero su bianco, metteteci un timbro e facciamola finita!”. Così, con questi documenti, sono andato al tribunale di Civitavecchia e ho presentato un ricorso scritto di mio pugno: “Sentite – ho detto – io sono un signor nessuno, sono un fantasma che vive da 22 anni in Italia. Mi volete mettere in regola o no?”. All’inizio pensavano che scherzassi, ma poi hanno capito che facevo sul serio e nel giro di poco tempo mi hanno dato lo status di apolide. Allora sono andato al comune di Anguillara dove risiedevo: ho dovuto raccontare all’impiegata la storia della mia vita, ma tre giorni dopo mi hanno convocato per darmi la carta d’identità. Quando ho preso questo pezzo di carta, me lo sono guardato, me lo sono rigirato tra le mani e ho pensato: “tutto qua? e ora che diavolo devo farci con questa?”

la mia storia di Toni è probabilmente una storia atipica, estrema, quella di un immigrato che nessuno voleva e che quindi nessuno ha potuto espatriare. Una delle poche storie di Ponte galeria conclusesi con un lieto fine. Dopo neppure una settimana dal mio rilascio ho partecipato a una manifestazione di protesta, davanti a Ponte Galeria. Poi mi sono iscritto a un partito politico, ma anche lì, dopo un pò, preferisco non andare nei particolari. “non so, per noi zingari queste cose non funzionano mai in questo paese”. Ora lavoro come mediatore culturale presso le scuole che frequentano i bambini rom. L’attività in cui però metto più passione è quella di attore in compagnia teatrale autodidatta. I monologhi in cui racconto la mia storia, delle mie origini, di questo groviglio di nazionalità che la vostra burocrazia ha deciso di chiamare “apolidia”, sono i momenti più applauditi.

 

Nota: lo status di apolide è regolato dalla legge e viene concesso nei casi in cui una persona abbia perso la sua cittadinanzadi origine, senza poterne acquisire una nuova; è una procedura molto difficile da ottenere, spesso perchè l’ambasciata del paese di nascita non riconosce la persona come proprio cittadino, ma non rilascia un documento scritto di diniego, necessario per l’Italia ai fini  del riconoscimento delllo status di apolide. In molto casi si ricorre quindi al giudizio in tribunale.


Mail

rightstories@yahoo.it
novembre: 2009
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Pagine