La beffa di Londra. Benefici ai talebani che rinunciano alla guerriglia, le donne afghane: “Siamo disorientate”

28/01/2010
16.27
COOPERAZIONE

Poco spazio alla società civile alla Conferenza internazionale di Londra sull’Afghanistan. Il network delle ong femminili presenta un documento. Tra le richieste: destinare il 25% dei fondi che arrivano a Kabul per migliorare la condizione femminile

LONDRA – Vorrebbero avere voce in capitolo ed essere considerate parte degli attori in gioco sullo scacchiere afghano. Ma hanno avuto solo venti minuti di tempo per presentare le loro proposte. E’ quanto la Conferenza internazionale sull’Afghanistan ha concesso a un’unica rappresentante di circa 80 ong, voce della società civile afghana. “Siamo davvero confuse, disorientate. La guerra del 2001 è stata fatta per eliminare i Talebani e ora gli si danno soldi per riportarli al governo. Il ritorno dei Talebani non dovrebbe essere nemmeno in discussione”. E’ quanto affermano le delegate afghane a margine del vertice, individuando “nella concessione degli aiuti occidentali la principale causa della guerra e del ritorno degli insorti”. In queste ore alla Lancaster House si sta presentando al mondo il sostegno Nato al piano di riconciliazione proposto dal presidente afghano Hamid Karzai in accordo con l’amministrazione statunitense di Barack Obama. Soldi e posti di lavoro dal mondo occidentale ai Talebani che rinunciano alla guerriglia. Una strategia economica di maggiori aiuti che affiancherà l’arrivo di altri trentamila soldati statunitensi e di ulteriori contingenti dei loro alleati. Secondo quanto ha scritto il quotidiano inglese Telegraph, i piani delle potenze occidentali e la exit strategy dal pantano di Kabul prevedono di pagare 12.500 combattenti talebani dandogli lavoro e convincendoli a entrare nelle forze di sicurezza afghane.

Temendo di essere scambiate come merce sul tavolo della ‘reintegrazione’ dei Talebani per restaurare la sicurezza nel Paese, l’avanguardia civile delle donne afghane ha presentato una lista di punti per indicare le priorità nella stabilizzazione del governo di Kabul. “Il governo e la comunità internazionale – scrivono le Ong – devono assicurare e monitorare i diritti delle donne in tutte le iniziative di riconciliazione nazionale così che lo status delle donne non sia svenduto in un piano a breve-termine per ottenere stabilità”. Le richieste si articolano su tre istanze: sicurezza, sviluppo e politiche internazionali. “Le donne pagano il prezzo più alto per la recrudescenza della violenza” si legge nel documento, teso “ a proteggere i risultati ottenuti dal 2001”. La rete delle ong femminili chiede l’applicazione della risoluzione 1325 del consiglio di Sicurezza dell’Onu e la piena partecipazione delle donne alle decisioni politiche e al processo di pacificazione. “La sicurezza richiede più della stabilizzazione militare – dice ancora la nota – serve protezione delle forze di polizia, libertà di movimento e accesso ai servizi di base, assistenza sanitaria e legale, istruzione, acqua pulita; un cambiamento sociale ampio nella vita pubblica e privata; stupri tra le mura domestiche, abusi in famiglia e violenze contro le donne sono esarcebati dal conflitto e sono le principali cause di insicurezza per la vita delle donne”. Sul versante della sicurezza, si chiede una rappresentanza femminile almeno al 25% in tutte le fasi del processo di pace e nel Consiglio di Sicurezza nazionale del Presidente Karzai. Un’altra proposta è quella di recrutare donne afghane per i servizi di sicurezza, nella polizia nazionale e tra i peacekeepers internazionali.
Una richiesta importante arriva per quanto concerne gli aiuti. “Dovrebbero essere monitorati per vedere se sono efficaci nel promuovere l’uguaglianza di genere. I Donatori dovrebbero assicurare che almeno il 25% dei fondi sia dedicato specificamente alla parità femminilie”. Se la situazione delle donne in Afghanistan non cambierà, non ci sarà pace per il Paese e non si arresterà il traffico di esseri umani che coinvolge tantissimi minori soli nei loro viaggi ‘up to Europe’. E’ la risposta delle rappresentanti afghane ai piani messi in atto dalle diplomazie occidentali anche in loro nome ma senza consultarle. (raffaella cosentino)
© Copyright Redattore Sociale

Annunci

0 Responses to “La beffa di Londra. Benefici ai talebani che rinunciano alla guerriglia, le donne afghane: “Siamo disorientate””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Mail

rightstories@yahoo.it
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Pagine


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: