Centro sociale ex Canapificio: “Su 130 audizioni per le richieste di asilo, 94 dinieghi”

16/02/2010
16.00
IMMIGRAZIONE
Nel centro sociale di Caserta, che è anche gestore di progetti Sprar e sportello Cir, la Camera di commercio vorrebbe fare sorgere un centro commerciale. Ma il collettivo ha ricevuto l’approvazione regionale per la ristrutturazione

CASERTA – “Da maggio a ottobre del 2009, su 130 audizioni della commissione territoriale per i richiedenti asilo, 94 sono stati i parei negativi, solo tredici positivi e altri sono ancora in attesa”. In queste cifre riportate da Giampaolo Mosca del centro sociale ex Canapificio c’è tutto il muro legislativo con cui si scontra l’umanità proveniente dall’Africa Subsahariana parcheggiata sine die nell’area di Castel Volturno. Una situazione di illegalità che alimenta a dismusura lo sfruttamento e il caporalato a giornata. “Noi facciamo da filtro tra queste persone schiavizzate e le istituzioni, sperando nella protezione umanitaria, ma riceviamo tantissimi dinieghi”, dice Mosca. Come questa assoluta carenza di diritti civili e sul lavoro risulti utile ai clan è evidente a Caserta. “Senza permesso non accedono al contratto regolare e sono facilmente sfruttabili”, sottolinea l’avvocato Daria Storia dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni che da metà gennaio ha esteso il progetto ‘Praesidium’ a Castel Volturno. Un primo intervento sperimentale fino a fine febbraio per prendere contatto con le associazioni sul campo. “Abbiamo notato la necessità di assistenza legale che c’è – continua – ma la nostra permanenza qui dipende dal rifinanziamento del progetto da parte del ministero”. L’Oim sta anche monitorando il post-Rosarno collaborando con l’ex Canapificio.
A ridosso della stazione ferroviaria, nell’ex fabbrica occupata, ogni mercoledì si riunisce un’assemblea informativa del movimento auto-organizzato di immigrati e rifugiati, con uno staff di 30 immigrati e 10 italiani. Il centro sociale ne è parte integrante e da circa quindici anni porta avanti le rivendicazioni e le vertenze con le istituzioni, dalla questura alla provincia, alla regione. “Abbiamo iniziato nel 1995 con le vertenze di lavoro dei senegalesi, allora eravamo cinque- sei persone, oggi il collettivo ne conta 25 – spiega Mosca – dal 2000 seguiamo anche ghanesi, togolesi, nigeriani e africani in genere, concentrandoci su richiedenti asilo e rifugiati”.
Fino al 2007 il problema principale erano i tempi di attesa fino a due-tre anni per accedere alla commissione nazionale, prima dell’istituzione di quelle territoriali. A Caserta è sempre stata molto alta la presenza di richiedenti asilo. “Rispetto a dieci anni fa, la forza di questo movimento è stata la crescita educativa degli immigrati, sull’idea che le vertenze si vincono solo lottando insieme, per questo si fanno gli incontri settimanali e una volta al mese visite nelle case”.
Sono tantissime le attività pro-migranti svolte in questo centro sociale. Uno sportello informativo di assistenza legale, l’accompagnamento nei rapporti con la questura per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno, un appuntamento settimanale in questura per cinquanta persone. E ancora, audizioni di preparazione per la commissione territoriale, corsi di italiano. L’ex canapificio è anche ente gestore del progetto di Accoglienza richiedenti asilo tramite lo Sprar con la provincia e il comune di Caserta per un totale di 15 posti con progetti biennali. Da ottobre scorso, ha anche un progetto Sprar per persone vulnerabili di cinque posti, riservati a vittime di torture, violenze e schock migratorio. Inoltre il centro sociale è sportello Cir (Consiglio italiano per i rifugiati) per il progetto ‘Domus’, di sostegno economico e burocratico nell’affitto di una casa per beneficiari di protezione umanitaria, sussidiaria o status di rifugiato. Per dieci persone sono disponibili alcune migliaia di euro per avviare l’affitto di una casa, ad esempio per la caparra e le prime mensilità o per l’acquisto dei mobili.
E’ l’unico centro sociale a partecipare al tavolo nazionale asilo con Cgil, Arci, Acnur e Cir. E’ spesso convocato in audizioni con il ministero dell’Interno, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati e con il presidente della commissione nazionale per le richieste di asilo politico. Come componente della rete antirazzista ha partecipato all’organizzazione delle manifestazioni nazionali a Roma nel 2004, 2005, 2006 e l’ultima a settembre del 2009. Attualmente fa parte del coordinamento per il primo marzo. Nell’estate del 2008 ha presentato alla regione Campania un progetto per la riqualificazione della struttura, che necessita interventi soprattutto sul tetto. Il progetto è stato approvato dalla regione ed è in attesa dei successivi step burocratici. Ma anche altri interessi si muovono sull’ex canapificio. Recentemente, Tommaso De Simone, neo-presidente della locale Camera di Commercio ha dichiarato di voler proporre alla regione, ente proprietario dell’immobile, un comodato d’uso di 99 anni per farci un centro commerciale e una sala congressi, in cui solo una parte dovrebbe essere destinata com’è oggi all’assistenza agli immigrati.
Il centro sociale ha operato anche sul quartiere disagiato di Acquaviva e sta lottando con il movimento studentesco per la destinazione a parco pubblico dell’ex deposito militare Macrico. Oltre trenta ettari in centro dove dovrebbero sorgere invece un residence e un polo commerciale.
Tante anche le attività culturali, come la nascita, dopo la strage degli immigrati del 2008, dei Kalifoo Ground, una band reggae che si chiama come le rotonde stradali dove si va al caporalato. Il gruppo è composto da un irregolare e due richiedenti asilo che abitano a Castel Volturno e da Gianluca Castaldi, un ex padre comboniano che gestisce il centro di accoglienza Caritas ‘La tenda di Abramo’.Gli altri tre sono Kwadwo e Ben del Ghana e Zongo del Burkina Faso, dove era sindacalista in fabbrica. Dicono: “Sembra che in questo paese se sei nero non puoi fare niente, non puoi avere idee. Noi vogliamo dire che non è così ed esprimere il nostro desiderio di giustizia”. (raffaella cosentino)
© Copyright Redattore Sociale

Annunci

2 Responses to “Centro sociale ex Canapificio: “Su 130 audizioni per le richieste di asilo, 94 dinieghi””


  1. 1 constantinos settembre 14, 2010 alle 12:26 pm

    mr giampaolo im trying to contact with you aboyt a son of a refuge which is memper of your oranization..please contact at this e-mail: arsis.xenonas@hotmail.com

  2. 2 rightstories settembre 14, 2010 alle 1:05 pm

    I sent to Giampaolo your message, I hope i can help you. Thanks


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Mail

rightstories@yahoo.it
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Pagine


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: