Il Volo della verità, l’anteprima del film di Wenders

32 minuti contro il reato di clandestinità e i respingimenti in mare. Al centro della storia non c’è più Badolato ma Riace. Il Sindaco di Badolato, dopo la proiezione e la conferenza stampa, lascia la sala infuriato.

Ieri sera c’è stata l’anteprima del Volo di Wim Wenders. Roma, Casa del Cinema a Villa Borghese. C’era il regista, tutta la produzione, gli assistenti, la Regione Calabria che per ora ha la faccia di Agazio Loiero. Sicuramente un’abile operazione d’immagine a una settimana dal voto. Presenti varie personalità. Il sindaco di Riace Mimmo Lucano e in sala anche il primo cittadino di Badolato Giuseppe Nicola Parretta. Che a fine della proiezione e della successiva conferenza stampa è andato via addirittura infuriato. Tanto che mi stava quasi mandando al diavolo quando mi sono avvicinata per salutarlo tutta sorridente perché a me il film è piaciuto molto. A quanto mi è sembrato di capire, il sindaco di Badolato non condivide il lavoro finale di Wenders perché la storia è stata stravolta e al centro dell’opera non c’è più Badolato ma Riace.
Il paese, ex dei Bronzi ora dell’accoglienza, inizialmente non doveva proprio comparire. Solo i suoi nuovi cittadini rifugiati di ogni parte del mondo dovevano essere semplici ‘comparse’ sulla spiaggia di Scilla e per giunta non retribuite. Così non è stato. Perché quando il regista ha incontrato il piccolo afghano Ramadullah durante le riprese con Zingaretti, questo bambino gli ha detto: “noi, tutti i giorni facciamo 3 ore di pullman per arrivare sul set e veniamo qui per te, se ora tu non vieni a Riace non sei una persona seria”. Questa frase era profondamente vera. Ha colpito il regista fino a farlo stare male.
Wenders si è reso conto che c’era una storia di quindici anni fa, quella di Badolato e una di oggi, di questo momento. Così ha voluto dare spazio alla seconda. “Le persone sono sempre più importanti delle storie”. In questa frase detta da Wenders durante il film c’è davvero il mondo. E’ una riflessione sul cinema, sul 3D, sulla finalità sociale e politica dell’arte. Potremmo parlarne per ore. Ma non è questo che mi preme sottolineare su GilBotulino.
Scrivo questa pagina per parlare direttamente ai badolatesi e al loro sindaco. Detto che Il Volo non è più un corto di 9 minuti, ma un vero film di 32 minuti. Detto che la prima opera d’autore in 3D al mondo basata su una storia vera e una delle prime girate in Italiaè un film contro il reato di clandestinità e contro i respingimenti in mare (questa non è una mia interpretazione, sono le parole di Wenders all’interno del film), passiamo a Badolato.
Come si sviluppa la pellicola? Badolato non è più al centro, ma fa da cornice, sta all’inizio e alla fine. E qui la cornice è importante quanto la storia centrale. Il regista non ha sconfessato il suo lavoro, l’ha modificato in corso e ce ne ha resi partecipi tutti. Con lo stesso candore delle parole di quel bambino afghano.
Si comincia con lo sbarco degli immigrati sulla spiaggia di Scilla che per un sapiente gioco cinematografico rende l’idea che Badolato sia esattamente a picco sul mare. Sulla spiaggia c’è il prefetto (Zingaretti) che trova in mano ai profughi dei volantini gialli, su cui c’è scritto in quattro lingue ‘Benvenuti a Badolato’. Gli immigrati dicono che gli sono povuti dal cielo. Zingaretti guarda in alto e si vede Badolato. Il bambino calabrese, Salvatore Fiore, con indosso la maglia di Kakà, comincia a fare il messaggero tra il prefetto sulla spiaggia e il sindaco Ben Gazzara in comune. Il sindaco di Badolato ha riunito tutto il consiglio comunale (e riconosciamo anche Liberto). Nella seduta straordinaria decide: “abbiamo case per duemila persone e qui siamo rimasti 350, tutti vecchi e un bambino che non ha nessuno con cui giocare, gli diamo le case”. Il bambino corre dal prefetto e gli comunica che in paese ha riaperto anche l’asilo. Conta i bambini sulla spiaggia e pensa “vai, si gioca!”. Il prefetto sarà irremovibile e i bambini con tutti gli sbarcati saranno portati via. Ma all’arrivo del barcone successivo, c’è sempre Ben Gazzara su un deltaplano a motore che va a lanciare i volantini di benvenuto. Ora capiamo perchè si chiama “Il Volo”.
Innanzitutto, un grazie perchè in questo film riusciamo a vedere una Badolato da sogno, immaginando come sarebbe se fosse a picco sul mare. E in tutto il mondo penseranno che lo sia. Ma al di là di questo escamotage, devo dire che mi hanno profondamente emozionata le riprese della vera Badolato. Che ha anche scorci e angoli più belli di quelli che si vedono nel film. Tuttavia, il modo delicato in cui sono svolte le riprese, l’occhio della cinepresa che si posa dolcemente sui gradini di pietra, mentre Salvatore fa su e giù per il paese, mi hanno fatto vedere il borgo da un’angolazione diversa. E penso che questo acquisire un nuovo punto di vista non abbia prezzo.
L’occhio di un grande regista si è posato sui muri secolari e sulle strade di Badolato. Ha spaziato sui tetti dalla torre dell’orologio. E ha lasciato una traccia indelebile. Una certa emozione c’è anche quando si vede la targa “municipio di Badolato”. A questo punto si inserice Wenders protagonista. Lo vediamo in fase di montaggio, alle prese con il girato. E qui racconta di Ramadullah, del suo incontro sulla spiaggia, e della decisione di raccontare la straordinaria avventura del “coraggioso sindaco di Riace Mimmo Lucano” (parole sue). Il momento è toccante. Perché riesce bene a comunicarci quanto sarebbe triste e brutta Riace senza i suoi nuovi abitanti da ogni parte del mondo.
C’è anche la ‘ndrangheta. Che è due fori di proiettile sulla vetrata dell’associazione fondata dal sindaco Lucano per gli immigrati. Il tentativo di chi trama nell’ombra per bloccare ogni forma di libertà e di sviluppo. Ma anche la risposta di un murales in piazza a Riace: “contro la ‘ndrangheta ni tingimu i mani”.
Dopo avere sentito le storie dei piccoli abitanti, come Elvis, Dennis e Valentino, i tre bimbi rom serbi. E quella di Ramadullah, che racconta di avere visto i Talebani bruciare la sua casa, in cui ha perso la sua famiglia, torniamo a Badolato. Nel finale il sindaco Ben Gazzara, doppiato da Giancarlo Giannini, racconta il suo incubo: gli immigrati invece di accoglierli li respingiamo.
Sicuramente quest’opera, per gli spunti che ha, finirà negli annali della storia del cinema. E Badolato ne farà parte a tutti gli effetti. Il ritorno di immagine, per essere co-protagonista in una storia così commovente, penso sarà grande. E’ vero che purtroppo è stata tagliata la parte con Caterina Mannello. Mi dispiace, anche se l’artista badolatese viene ricordata nei ringraziamenti finali. Però la storia così è più lunga, più bella, più diretta e forte. E’ diventata l’incontro tra un regista e un bambino. Il racconto di un genio del cinema che dice a tutto il mondo: “ok, mi sono sbagliato”. E cambia tutto solo per le parole vere di un bambino. Chi di noi lo avrebbe fatto, portando il cambiamento fino in fondo? E’ una prova di coraggio e di verità a tre dimensioni. La verità è sempre la cosa giusta. Questa è la lezione di Wenders con Il Volo. Dobbiamo valorizzarla e non averne paura. Per dircelo, il film parte dalla finzione, poi rompe tutto e va sulla realtà personale del regista, dei profughi e del sindaco di Riace, infine ritorna a una doppia finzione (incubo e fiction) per raccontarci la realtà incomprensibile dei respingimenti in mare.
“Adesso che il filmè fatto, quella piccola fiction mi piace ancora”, ha detto in conferenza stampa Wenders riferendosi al soggetto originale, al primo progetto. E infatti quella parte nonè stata eliminata. E’ lì a rivendicare il suo ruolo in questa storia, che è innanzitutto l’incontro tra un grande regista e la nostra Calabria.
Spero di cuore che questo film porti tutto il bene possibile a Badolato e a Riace. Lo dico con gli occhi di chi ha visto e vissuto per mesi l’emergenza umanitaria di Rosarno. Di chi è precipitata per mestiere nell’inferno dei dormitori lager della Piana di Gioia Tauro, dove ha visto dei calabresi massacrare gli africani. Confermo che la Calabria è una terra profondamente artistica, perché è bella e feroce al tempo stesso. Sono felice che Wenders abbia realizzato questa opera, che forse continuerà. Mi auguro che qualcuno faccia lo stesso per Rosarno. Un’altra storia di cui c’è necessità si parli con altrettanta forza artistica. Per dare il giusto riconoscimento alla rivolta degli africani contro i Pesce e i Bellocco. Immigrati nuovi schiavi in marcia per i diritti umani. Come è raccontato nel libro di Antonello Mangano, sia nella prima edizione “Gli africani salveranno Rosarno” (edito da Terrelibere), sia nella seconda stesura per Bur, dal titolo “Gli africani salveranno l’Italia”.
E infine ringrazio il sindaco Parretta, perché il suo scatto di collera di ieri sera alla Casa del Cinema è stato fondamentale per decidermi a scrivere questa lettera ai badolatesi. Desidero che cambi idea e capisca il valore di questa pellicola. Che a Badolato si facciano grandi proiezioni pubbliche del film.
Spero che presto anche sui muri di Badolato e di Isca qualcuno scriva: “abbasso la mafia”. E che le piazze dei nostri paesi, invece che a un castello che non c’è, vengano intitolate alle vittime innocenti delle ‘ndrine. Sui muri ci saranno altri murales come quello di Riace e ai nostri discendenti potremo dire “c’era una volta la ‘ndrangheta”. In questo momento sono buonista, come Il Volo. Ma ogni tanto ci vuole. Come dice Wenders: “siamo realisti, puntiamo all’utopia”. Grazie per la pazienza se avrete letto fino a qui. Cosa si può volere di più dalla vita? Un Lucano.

Di Raffaella Cosentino
Copyright: http://www.gilbotulino.it

la locandina del film

Annunci

0 Responses to “Il Volo della verità, l’anteprima del film di Wenders”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Mail

rightstories@yahoo.it
marzo: 2010
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Pagine


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: