“Mondiali al Contrario”, in Italia arrivano i baraccati del Sud Africa

14/05/2010

10.21
DIRITTI

L’iniziativa dei missionari comboniani con i leader di un grande movimento degli slums per raccontare gli sgomberi, gli sfratti e le operazioni contro i più poveri prima dei mondiali di calcio 2010

ROMA – I mondiali di calcio in Sud Africa rischiano di nascondere dietro un’immagine patinata la realtà degli sgomberi contro i poveri e le condizioni misere di chi vive ai margini. Nel paese che fu dell’apartheid, sembra che la segregazione non sia finita. E’ quanto emerge da due diverse iniziative. La prima è la campagna “Mondiali al Contrario” che nasce proprio con lo scopo di squarciare il velo sulla povertà del paese e porta in Italia dal 18 al 30 maggio alcuni attivisti del più grande movimento sociale sudafricano, Abahlali baseMjondolo. Il nome significa «quelli che vivono nelle baracche» in lingua zulu e ha sede in più di 40 città. La seconda è un rapporto di Medici Senza Frontiere che denuncia le terribili condizioni di vita dei rifugiati che arrivano in Sud Africa. Anche loro sono spesso confinati in ghetti e sgomberati con la forza.
Philani Zungu, Thembani Ngongonna e una donna, Busisiwe Mdlalose, sono tre leader del movimento dei baraccati che grazie all’iniziativa di solidarietà lanciata dai missionari Comboniani di Castel Volturno, dalla testata “Carta” e dal documentarista Michele Citoni faranno tappa in molte città italiane, ospiti di associazioni e realtà sensibili ai temi dei movimenti politici organizzati dal basso. I “Mondiali al contrario” saranno a Caserta e a Castel Volturno il 18 , a Reggio Calabria il giorno seguente, il 20 all’Aquila con il movimento delle carriole, il 21 a Pescara, il 22 a Pisa, il 23 a Verona, il 24 a Vicenza con i comitati No Dal Molin,, il 25 a Milano, il 26 a Varese, poi in Val di Susa e infine a Roma.
Filippo Mondini, missionario comboniano di base a Castel Volturno dopo essere stato in Sud Africa dal 2004 al 2008 conosce bene la realtà dei baraccati, con i quali ha vissuto per cinque mesi. La racconta così: “Ci sono tantissimi topi e ogni anno diversi casi di bambini mangiati dai topi. Non c’è privacy e ne soffrono soprattutto le donne. Le latrine sono buche comuni scavate nella terra. Non c’è mai silenzio, né elettricità. D’inverno è freddissimo, d’estate c’è un caldo atroce. La piaga degli incendi è terribile e c’è un’altissima disoccupazione”. Nel paese con il più alto grado di urbanizzazione dell’Africa sub sahariana, secondo Mondini, ci sono 180mila baraccati a Durban, 250mila a Cape Town e altrettanti a Johannesburg. Emerge uno spaccato inquietante per i diritti umani nel paese che ospiterà i mondiali di calcio. Da anni si verificano arresti dei ragazzi di strada e operazioni di espulsione delle masse povere dal centro verso le periferie dei “transit camp” con i container. “Tutto per ripulire l’immagine delle città in vista dei mondiali – dice ancora Mondini – i venditori ambulanti allontanati dalle zone adiacenti allo stadio, i poveri tagliati fuori”. Un processo che va avanti da anni ed è stato raccontato dal missionario comboniano attraverso una serie di cronache messe in rete. Demolizioni di baracche a Durban decise dalla municipalità senza la necessaria autorizzazione della corte locale, violenze e attacchi di milizie armate contro l’insediamento di Kennedy Road, una delle più grandi baraccopoli di Durban, con più di settemila abitanti. E’ qui che nel 2005 è nato il movimento Abahlali BaseMjondolo.
La lotta che gli attivisti portano avanti non è tanto per il diritto alla casa e per l’accesso ai servizi di base, è una battaglia per la democrazia popolare. L’obiettivo del movimento è che le autorità consultino i residenti degli insediamenti (shack dwellers) prima di prendere decisioni che li riguardano. L’abolizione dello “slum act” è una delle vittorie dei baraccati. Dopo un ricorso del movimento, la corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale la legge che permetteva alle municipalità di radere al suolo gli insediamenti senza l’ordine di un tribunale. Un’altra battaglia è stata quella per abolire l’affitto per le baracche. In diversi insediamenti alcuni attivisti sono stati minacciati di morte dagli «slumlords» che controllavano la baraccopoli. Molte volte il movimento ha fermato demolizioni o sfratti, ha difeso il diritto di erigere nuovi insediamenti o l’espansione di quelli già esistenti, ha connesso migliaia di persone all’elettricità e soprattutto ha permesso a tutti di partecipare nelle scelte comunitarie.
Le accuse rivolte all’African National Congress che guida il paese è di avere tradito le speranze di «vita migliore per tutti» che erano state alla base della lotta anti-apartheid. E allo stesso tempo di voler costruire una «world class city», una città senza slum. Con interventi da shock economy rafforzati con i preparativi dei mondiali di calcio 2010: eliminare le baraccopoli nelle principali città così i turisti internazionali non le vedranno. “Stanno creando delle città nelle quali essere poveri è un crimine”, affermano i leader del movimento . (rc)
(Vedi lancio successivo)

© Copyright Redattore Sociale

Annunci

0 Responses to ““Mondiali al Contrario”, in Italia arrivano i baraccati del Sud Africa”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Mail

rightstories@yahoo.it
maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Pagine


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: