Israele ha perso in mare la Seconda Guerra di Gaza

I fantasmi dell’ultima guerra del Libano persa con Hezbollah nell’estate del 2006, l’occupazione che si fa sempre più pesante, critiche aspre e sarcastiche alla propaganda che raggiunge “vette da farsa”, i conti ancora da fare con l’operazione Piombo Fuso contro Gaza tra dicembre 2008 e gennaio 2009. Tutto questo si agita nelle coscienze dei commentatori israeliani autori degli editoriali pubblicati in questi giorni dal quotidiano Haaretz sul suo sito dopo il raid contro gli attivisti umanitari della Freedom Flottiglia.

La seconda guerra di Gaza, Israele l’ha persa in mare. E’ questo il titolo di un post dell’editorialista Bradley Burston sul suo blog “A Special Place in Hell” pubblicato sul sito del quotidiano israeliano Haaretz e rilanciato anche da alcuni siti palestinesi contro l’occupazione. “Una guerra dice a un popolo cose terribili su se stesso. Ecco perché è così difficile ascoltare” esordisce Burston, ex corrispondente del Jerusalem Post e della Reuters, nato a Los Angeles e trasferitosi in Israele dopo la laurea a Berkeley. “Siamo determinati ad evitare uno sguardo onesto alla prima guerra di Gaza – continua – Ora in acque internazionali e avendo aperto il fuoco su un gruppo internazionale di operatori umanitari e attivisti, stiamo combattendo e perdendo la seconda. Alla fine, questa Seconda Guerra di Gaza potrebbe costare a Israele molto più della prima”.

Burston, il giorno seguente all’attacco di Israele contro la Freedom Flottiglia, l’1 giugno, prosegue duro contro la politica dello Stato ebraico su Gaza. “Andando in guerra contro Gaza alla fine del 2008, i capi politici e militari israeliani speravano di insegnare una lezione ad Hamas. Ci sono riusciti. Hamas ha imparato che il miglior modo di combattere Israele è lasciare che Israele faccia quello che ha iniziato a fare naturalmente: infuriarsi, prendere cantonate e fare muro”. Nel suo editoriale ospitato su Haaretz, il giornalista ex medico dell’esercito israeliano, continua: “Non stiamo più difendendo Israele. Stiamo difendendo l’assedio di Gaza. Il blocco di Gaza stesso sta diventando il Vietnam di Israele”.
Nel suo lungo post, Burston spiega che le notizie negative apparse sui media non spariranno come vorrebbero i politici del Likud e i portavoce dell’esercito. E ricorda che una delle navi della Flottiglia è intitolata a Rachel Corrie, l’attivista statunitense uccisa (a soli 23 anni, ndr.) mentre cercava di fermare un bulldozer dell’esercito israeliano 7 anni fa a Gaza. Burston accusa di follia e imbecillità il passo che ha portato al deterioramento delle relazioni con la Turchia, potenza regionale di cruciale importanza. “Ripetiamo all’infinito che non siamo in guerra con la gente di Gaza perché abbiamo bisogno noi stessi di crederci e, in fondo, non ci crediamo”, continua. E conclude: “Netanyahu deve riconoscere che il mondo invece di concentrarsi sulla minaccia che l’Iran costituisce per Israele, ora è concentrato sulla minaccia che è Israele per la gente di Gaza”.

Autore e Traduzione: Raffaella Cosentino
Fonte: Haaretz

Vedi lancio successivo

Annunci

0 Responses to “Israele ha perso in mare la Seconda Guerra di Gaza”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Mail

rightstories@yahoo.it
giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Pagine


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: