Archive for the 'appuntamenti' Category

Evento contro la ‘ndrangheta a Catanzaro in ricordo di Peppe Valarioti e Massimiliano Carbone

Caffè delle Arti, domenica due appuntamenti su Giuseppe Valarioti e  Massimiliano Carbone. Saranno presentati un libro e un documentario

Per i 30 anni dalla morte di Giuseppe Valarioti la programmazione del Caffè delle Arti al Centro polivalente di via Fontana Vecchia – servizio attivato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro – ospiterà domenica 13, con inizio alla ore 21.00, una manifestazione in omaggio al politico ucciso negli anni ’80. La serata del Caffè delle Arti prevede la presentazione di un libro inchiesta e di un documentario realizzati da giovani autori calabresi. Il primo per ricordare il movimento antimafia degli anni Settanta con la vicenda di Giuseppe Valarioti a Rosarno. Il secondo per dare una testimonianza attuale di resistenza civile all’oppressione mafiosa, con la storia di Liliana Carbone, madre coraggio di Locri.

Domenica 13 giugno, con una serata dedicata all’impegno contro la ‘ndrangheta, il Caffè delle Arti di Catanzaro ospiterà la presentazione del libro “Il caso Valarioti – Così la ‘ndrangheta uccise un politico (onesto) e diventò padrona della Calabria. Un processo a metà”, Round Robin Editrice, dei giornalisti Danilo Chirico e Alessio Magro. Nel corso della serata sarà proiettato in anteprima anche il documentario indipendente “Oltre l’inverno”, che ricostruisce la battaglia quotidiana della maestra elementare Liliana Carbone per chiedere giutizia e verità sull’omicidio del figlio Massimiliano, ucciso nel 2004 in un agguato a Locri all’età di 30 anni. Al dibattito interverranno gli scrittori Alessio Magro, Danilo Chirico e Mauro Minervino, il caporedattore di Ansa Calabria Filippo Veltri. Saranno presenti anche gli autori del documentario: il regista catanzarese Massimiliano Ferraina, la sceneggiatrice Claudia Di Lullo e la giornalista Raffaella Cosentino (Redattore Sociale/Il Manifesto).

L’evento è stato organizzato con la collaborazione di alcune associazioni di giovani: Confine Incerto di Catanzaro, daSud Onlus di Reggio Calabria e Metasud di Soverato.  I casi Valarioti e Carbone sono le storie di due trentenni assassinati dalla ‘ndrangheta. Peppe perché a 25 anni aveva scelto consapevolmente la strada dell’impegno politico contro le ‘ndrine, Massimiliano semplicemente perché viveva una vita normale e onesta in un contesto pervaso dalla violenza mafiosa. Due omicidi senza colpevoli. Due nomi dimenticati che il silenzio ha ucciso per la seconda volta. Dopo le celebrazioni dell’11 giugno a Rosarno, nel trentennale della morte anche il capoluogo riporta in vita la memoria di Giuseppe Valarioti, l’Impastato calabrese. Il giovane professore e segretario della sezione del Pci di Rosarno è stato ucciso dalla ‘ndrangheta l’11 giugno del 1980 dopo la vittoria alle elezioni amministrative. Il libro di Alessio Magro e Danilo Chirico ricostruisce la lunga vicenda giudiziaria sul primo omicidio politico della nuova ‘ndrangheta, che tre decenni fa entrò nei gangli del potere. L’ incontro sarà un’occasione aperta per discutere anche della fase delicata che vive oggi la Calabria. Il 2010 si è aperto con la rivolta dei migranti di Rosarno contro la violenza delle ‘ndrine. Nei mesi seguenti una scia di omicidi ha insanguinato la zona jonica catanzarese e l’alta locride. Una nuova guerra di ‘ndrangheta che ha fatto contare già 8 morti in 11 mesi, a partire dall’omicidio di Vincenzo Varano a Isca sullo Ionio a luglio del 2009 fino a quello di Giovanni Bruno a Vallefiorita a metà maggio.

Rosarno ricorda Giuseppe Valarioti, l’Impastato calabrese

MAFIE

Una targa del comune, un dibattito e un libro sul “caso” del dirigente della sezione del Pci di Rosarno, trucidato all’età di 30 anni dalla ‘ndrangheta dopo la vittoria alle elezioni amministrative l’11 giugno 1980. Il delitto è rimasto impunito

Rosarno – L’Impastato calabrese, una storia dimenticata. E’ quella di Giuseppe Valarioti, professore e dirigente della sezione del Pci di Rosarno, ucciso dalla ‘ndrangheta l’11 giugno del 1980. A trent’anni di distanza, nel giorno dell’anniversario della tragica scomparsa, a Rosarno una targa, un libro e un’assemblea pubblica ne celebreranno il ricordo.  Il comune (ancora sciolto per mafia e guidato da una commissione straordinaria dal 2008), in collaborazione con l’associazione Arci dedicherà a Valarioti una targa nella piazza principale del paese che già porta il suo nome. Alle 16, nell’auditorium del Liceo Scientifico “R. Piria”, un dibattito organizzato da Libera contro tutte le mafie, daSud Onlus e l’Associazione per il rinnovamento della sinistra, ripercorrerà la sua vicenda, un simbolo per la lotta antimafia in Calabria. All’incontro parteciperanno esponenti della politica, dei sindacati, del volontariato e dell’associazionismo, insieme all’ex sindaco di Rosarno Giuseppe Lavorato e ad Alessio Magro e Danilo Chirico, autori del libro “Il Caso Valarioti. Rosarno 1980: così la ‘ndrangheta uccise un politico (onesto) e diventò padrona della Calabria”, edito da Round Robin.

Il volume verrà presentato a Rosarno in anteprima e raccoglie cinque anni di ricerche dei giornalisti reggini Magro e Chirico, nel tentativo di risollevare dall’oblìo la storia di Giuseppe Valarioti, un giovane professore di lettere, appassionato di studi archeologici sulla Rosarno magno-greca, l’antica Medma. Ma soprattutto un attivista politico, che guidava la sezione rosarnese del Pci e che fu trucidato a soli trent’anni di età a colpi di lupara nella notte, all’uscita da un ristorante dopo avere festeggiato la vittoria del partito comunista alle elezioni amministrative. Un delitto efferato che arrivò al termine di una campagna elettorale con la tensione alle stelle, segnata da attentati contro gli esponenti e la sede comunista. E da un segnale minaccioso: i manifesti appena affissi dai militanti comunisti venivano capovolti dai mafiosi. Non stracciati, ma girati al contrario, segno che gli uomini della ‘ndrangheta seguivano passo passo le mosse degli attivisti politici. Un crimine su cui la giustizia non ha mai fatto piena luce, rimasto impunito. E fino a questo momento anche sconosciuto ai più, sia in Italia sia in Calabria. Una storia che somiglia a quella di Peppino Impastato a Cinisi, con l’eccezione che Valarioti non apparteneva a una famiglia legata alla mafia.
L’incontro dell’11 giugno arriva a cinque mesi esatti dalla rivolta degli africani e dalla caccia ai neri a fucilate. L’obiettivo, si legge sul manifesto,  è quello di “unire giovani, immigrati, agricoltori e lavoratori onesti per difendere i diritti di tutti, liberare le popolazioni dall’oppressione mafiosa, costruire lo sviluppo democratico, sociale e civile”. (rc)

© Copyright Redattore Sociale

“Mondiali al Contrario”, in Italia arrivano i baraccati del Sud Africa

14/05/2010

10.21
DIRITTI

L’iniziativa dei missionari comboniani con i leader di un grande movimento degli slums per raccontare gli sgomberi, gli sfratti e le operazioni contro i più poveri prima dei mondiali di calcio 2010

ROMA – I mondiali di calcio in Sud Africa rischiano di nascondere dietro un’immagine patinata la realtà degli sgomberi contro i poveri e le condizioni misere di chi vive ai margini. Nel paese che fu dell’apartheid, sembra che la segregazione non sia finita. E’ quanto emerge da due diverse iniziative. La prima è la campagna “Mondiali al Contrario” che nasce proprio con lo scopo di squarciare il velo sulla povertà del paese e porta in Italia dal 18 al 30 maggio alcuni attivisti del più grande movimento sociale sudafricano, Abahlali baseMjondolo. Il nome significa «quelli che vivono nelle baracche» in lingua zulu e ha sede in più di 40 città. La seconda è un rapporto di Medici Senza Frontiere che denuncia le terribili condizioni di vita dei rifugiati che arrivano in Sud Africa. Anche loro sono spesso confinati in ghetti e sgomberati con la forza.
Philani Zungu, Thembani Ngongonna e una donna, Busisiwe Mdlalose, sono tre leader del movimento dei baraccati che grazie all’iniziativa di solidarietà lanciata dai missionari Comboniani di Castel Volturno, dalla testata “Carta” e dal documentarista Michele Citoni faranno tappa in molte città italiane, ospiti di associazioni e realtà sensibili ai temi dei movimenti politici organizzati dal basso. I “Mondiali al contrario” saranno a Caserta e a Castel Volturno il 18 , a Reggio Calabria il giorno seguente, il 20 all’Aquila con il movimento delle carriole, il 21 a Pescara, il 22 a Pisa, il 23 a Verona, il 24 a Vicenza con i comitati No Dal Molin,, il 25 a Milano, il 26 a Varese, poi in Val di Susa e infine a Roma.
Filippo Mondini, missionario comboniano di base a Castel Volturno dopo essere stato in Sud Africa dal 2004 al 2008 conosce bene la realtà dei baraccati, con i quali ha vissuto per cinque mesi. La racconta così: “Ci sono tantissimi topi e ogni anno diversi casi di bambini mangiati dai topi. Non c’è privacy e ne soffrono soprattutto le donne. Le latrine sono buche comuni scavate nella terra. Non c’è mai silenzio, né elettricità. D’inverno è freddissimo, d’estate c’è un caldo atroce. La piaga degli incendi è terribile e c’è un’altissima disoccupazione”. Nel paese con il più alto grado di urbanizzazione dell’Africa sub sahariana, secondo Mondini, ci sono 180mila baraccati a Durban, 250mila a Cape Town e altrettanti a Johannesburg. Emerge uno spaccato inquietante per i diritti umani nel paese che ospiterà i mondiali di calcio. Da anni si verificano arresti dei ragazzi di strada e operazioni di espulsione delle masse povere dal centro verso le periferie dei “transit camp” con i container. “Tutto per ripulire l’immagine delle città in vista dei mondiali – dice ancora Mondini – i venditori ambulanti allontanati dalle zone adiacenti allo stadio, i poveri tagliati fuori”. Un processo che va avanti da anni ed è stato raccontato dal missionario comboniano attraverso una serie di cronache messe in rete. Demolizioni di baracche a Durban decise dalla municipalità senza la necessaria autorizzazione della corte locale, violenze e attacchi di milizie armate contro l’insediamento di Kennedy Road, una delle più grandi baraccopoli di Durban, con più di settemila abitanti. E’ qui che nel 2005 è nato il movimento Abahlali BaseMjondolo.
La lotta che gli attivisti portano avanti non è tanto per il diritto alla casa e per l’accesso ai servizi di base, è una battaglia per la democrazia popolare. L’obiettivo del movimento è che le autorità consultino i residenti degli insediamenti (shack dwellers) prima di prendere decisioni che li riguardano. L’abolizione dello “slum act” è una delle vittorie dei baraccati. Dopo un ricorso del movimento, la corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale la legge che permetteva alle municipalità di radere al suolo gli insediamenti senza l’ordine di un tribunale. Un’altra battaglia è stata quella per abolire l’affitto per le baracche. In diversi insediamenti alcuni attivisti sono stati minacciati di morte dagli «slumlords» che controllavano la baraccopoli. Molte volte il movimento ha fermato demolizioni o sfratti, ha difeso il diritto di erigere nuovi insediamenti o l’espansione di quelli già esistenti, ha connesso migliaia di persone all’elettricità e soprattutto ha permesso a tutti di partecipare nelle scelte comunitarie.
Le accuse rivolte all’African National Congress che guida il paese è di avere tradito le speranze di «vita migliore per tutti» che erano state alla base della lotta anti-apartheid. E allo stesso tempo di voler costruire una «world class city», una città senza slum. Con interventi da shock economy rafforzati con i preparativi dei mondiali di calcio 2010: eliminare le baraccopoli nelle principali città così i turisti internazionali non le vedranno. “Stanno creando delle città nelle quali essere poveri è un crimine”, affermano i leader del movimento . (rc)
(Vedi lancio successivo)

© Copyright Redattore Sociale

“Verità nascoste” Giulietto Chiesa presenta la rivista COMetA allo Spazio daSud

MERCOLEDÌ 24 MARZO – ORE 19
Spazio daSud
via Gentile da Mogliano 168-170 (zona Pigneto), Roma

Interverranno:

Giulietto Chiesa – direttore COMetA
Glauco Benigni – massmediologo
Roberto Seghetti – giornalista economico
Introduce: Danila Cotroneo – Associazione daSud
Modera: Raffaella Cosentino – Associazione daSud

Al termine del dibattito verrà proiettato il film documentario Zero – Inchiesta sull’11 settembre, tratto da un’inchiesta giornalistica di Giulietto Chiesa, Franco Fracassi e Paolo Jormi Bianchi.In occasione dell’uscita del terzo numero di COMetA, “Verità nascoste”, lo Spazio DaSud ospita una serata di presentazione del trimestrale di critica della comunicazione diretto da Giulietto Chiesa e nato grazie alla collaborazione tra Legambiente, Megachip e Pentapolis, associazioni che da anni operano rispettivamente per la tutela dell’ambiente, la democrazia della comunicazione e la responsabilità sociale.

L’iniziativa sarà occasione di riflessione e confronto su diversi aspetti della crisi mondiale e in particolare sulla crisi dell’informazione e su quella ambientale.
Il fallimento della Conferenza di Copenhagen, infatti, è l’altra faccia della crisi finanziaria, frutto della cieca volontà d’accaparramento delle classi dirigenti del Pianeta. Le verità drammatiche che si vogliono nascondere irrompono con gli operai che salgono sui tetti, con gli immigrati che si ribellano al razzismo dilagante e con le iniziative di un vasto movimento d’opinione in difesa delle libertà costituzionali, insidiate da uno scoperto disegno sovversivo in gestazione nella maggioranza parlamentare del nostro Paese.

Per informazioni:

Redazione COMetA
Via Alessandro Serpieri, 7
Tel. 06.32120126
redazione@cometa-online.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
http://www.cometa-online.it

Passaggio a Sud – Pensieri per uscire dalla crisi

Quattro giorni di libri, film, fotografie, testimonianze, assemblee, dibattiti

25/28 febbraio 2010

Spazio daSud

Via Gentile da Mogliano, 170 – Pigneto – Roma

Giovedì 25 febbraio – ore 19,30

Crisi e giustizia – Le mafie del Sud e la Quinta Mafia nel Lazio

Il libro. “Ius Sanguinis” di Paola Bottero

Il film. “La guerra di Mario” di Vincenzo Caricari

La testimonianza Mario Congiusta, presidente ass. Gianluca Congiusta

L’inchiesta. La quinta mafia di Alessio Magro

Venerdì 26 febbraio ore 20,30

Crisi e democrazia

Il fumetto. Anteprima della graphic novel sulla storia del giornalista Pippo Fava della collana Libeccio di daSud e Round Robin Editrice

L’evento. Roma si mobilita per il No Mafia day a Reggio Calabria: incontro con i promotori della manifestazione nazionale del 13 marzo

L’assemblea. Dal Caso Calabria al No Mafia day: Rosarno, Ponte, Bombe, Elezioni Regionali

Incontro con Claudio Fava

Sabato 27 febbraio 2010 ore 20,30

Crisi ed emergenza

Quando la storia d’Italia si scrive in deroga a legalità e trasparenza

Il libro. “Potere assoluto – La protezione civile al tempo di Bertolaso” con Emanuele Bonaccorsi
Le videoinchieste. Anteprima di “Comando e controllo” (sul terremoto in Abruzzo) con Alberto Puliafito
e “I furbetti della vasca” (sui mondiali di nuoto a Roma) con Vittorio Romano

Le immagini. “C.a.s.e.” – Proiezione degli scatti di Arianna Catania e Pietro Guglielmino

Le testimonianze.
I comitati aquilani raccontano – con Angelo Venti, Antonio Musella / No discarica Chiaiano

Domenica 28 febbraio 2010 ore 19

Crisi e identità – Da Rosarno a Roma. E ritorno. Verso il primo marzo nella Capitale

Il concerto. Musiche migranti per raccontare il sud e la contaminazione delle identità

Nino Foresteri unplugged

Il racconto. Come nasce e cresce un progetto musicale, la musica come spazio di intercultura.

Il dossier. Arance insanguinate di daSud e Stopndrangheta.it

Da giovedì 25 a domenica 28 dalle 17

La mostra. “Per amore del mio popolo” – il fumetto su Don Peppe Diana

Tutte le sere cenaperitivo

Raccolta fondi in beneficienza per i lavoratori migranti di Rosarno che vivono a Roma

“MODENA CITY RAMBLERS” PER ROSARNO

MARTEDI 23 FEBBRAIO ORE 20 E 30
SPAZIO DASUD

Reading e sound insieme a Franco D’Aniello

Accompagnamento musicale Gianluca Spirito dei Ned Ludd

Diretta web a partire dalle 20 e 30 sul sito nella sezione live

Spazio daSud – via Gentile da Mogliano 170 – Pigneto Roma
http://www.dasud.itinfo@dasud.it – facebook: daSud onlus – tel. 06. 83603427

Roma: al Pigneto 15 giorni di musica, arte e sport per gli africani di Rosarno

E’ l’iniziativa “Bloody Oranges”, i cui fondi raccolti saranno devoluti agli immigrati ospitati nei centri sociali. Anche le associazioni in campo per dare un sostegno economico per le spese legali

ROMA – Quindici giorni di musica, arte, teatro, sport e performance multiculturali in sostegno ai lavoratori africani fuggiti da Rosarno. E’ l’iniziativa culturale “Bloody Oranges” organizzata da daSud Onlus, associazione calabrese contro la ‘ndrangheta, per raccogliere fondi per gli immigrati ospitati al momento in alcuni centri sociali, nel quartiere romano del Pigneto. Il lancio ufficiale è previsto per stasera nella sede di daSud, in via Gentile da Mogliano 170, con la performance di Christian Muela che presenta il suo nuovo album, dal titolo “L’albero”. Seguiranno, fino al 28 febbraio, molti altri eventi nei locali della zona, dal Fanfulla al Dal Verme. Alle iniziative di solidarietà hanno aderito anche alcuni esponenti della band dei Modena City Ramblers, che si esibiranno nella sede dell’associazione il 23 assieme ai Ned Ludd. Musiche africane, readings, raccolte fondi con varie serate fino all’evento conclusivo: un torneo di calcetto nel VI municipio. “Calci solidali, un gol per l’accoglienza, presso l’impianto Pro-Roma calcio.

La vasta realtà associativa del Pigneto si è mobilitata per dare un sostegno economico ad alcune centinaia di immigrati provenienti dagli scontri di Rosarno, che sono stati ospitati dai movimenti di lotta per la casa, come Action o presso il centro sociale ex Snia. “Una proposta culturale e di beneficenza che serve anche a tenere alta l’attenzione sul dopo Rosarno e sulla condizione di indigenza e mancanza di diritti che si trovano a vivere gli stagionali africani fuggiti o deportati dalla Piana di Gioia Tauro”, afferma Alessio Magro, giornalista calabrese e tra i fondatori dell’associazione daSud, che cura l’archivio online “Stopndrangheta”. L’associazione ha anche curato un dossier in fase di pubblicazione dal titolo “Arance Insanguinate”, con lo stesso nome di una campagna in favore dei diritti dei migranti africani che da oltre un mese ha portato sulle piazze la protesta per il permesso di soggiorno a tutti i lavoratori stagionali vittime dello sfruttamento. (rc)

Copyright Redattore Sociale


Mail

rightstories@yahoo.it
agosto: 2017
L M M G V S D
« Mar    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Pagine