Posts Tagged 'caporalato'

Marocchino pestato a sangue a Cassibile

5/05/2010

10.56
IMMIGRAZIONE
L’aggressione è avvenuta ieri sulla via Nazionale, nel quartiere siracusano noto per il fenomeno del caporalato nella raccolta stagionale delle patate L’uomo è stato accerchiato da un gruppo di italiani mentre camminava a piedi, insultato e preso a calci

Via Nazionale, Cassibile (Sr)

Cassibile (Sr) – Aggressione razzista a Cassibile. Un bracciante stagionale marocchino di trent’anni è stato accerchiato e poi pestato a sangue con calci e pugni da un gruppo di italiani. Il grave episodio di violenza razziale è avvenuto ieri sulla via Nazionale, nel quartiere siracusano noto per il fenomeno del caporalato nella raccolta stagionale delle patate. A darne notizia oggi è il quotidiano locale “La Sicilia”. Secondo quanto riportato dalla testata siciliana, l’uomo stava camminando a piedi sulla strada principale di Cassibile quando è stato bloccato da un gruppo di uomini che gli ha sbarrato la via. Dopo averlo insultato ripetutamente, gli aggressori gli hanno impedito di fuggire e si sono scagliati contro il marocchino con violenza. La vittima ha solo cercato di difendersi riparandosi dai colpi con le mani. L’intervento verbale di altri residenti, che hanno urlato e chiesto aiuto, ha fermato e fatto allontanare gli aggressori. Il ragazzo marocchino, lasciato dolorante e sanguinante sull’asfalto, è stato soccorso da un’unità del 118, chiamata dai passanti. Il lavoratore maghrebino è stato medicato al Pronto Soccorso e dimesso. Nel frattempo gli aggressori hanno fatto perdere le loro tracce.

E’ il primo episodio di violenza per le strade contro gli immigrati a Cassibile dall’inizio dell’anno. Ma il quartiere siracusano non è nuovo ai pestaggi. In passato altre aggressioni si erano verificate a causa dell’intolleranza di una parte dei residenti verso i lavoratori stagionali stranieri, una parte dei quali sono alloggiati in una tendopoli gestita dalla Croce Rossa. (rc)

© Copyright Redattore Sociale

Annunci

Cassibile, con la crisi aumenta il ricatto del caporalato

04/05/2010

10.18
IMMIGRAZIONE

Nessuna tutela in più dopo Rosarno: sono sempre i caporali a gestire il lavoro, che scarseggia. Il racconto dei braccianti: sono meno di 500 tra marocchini, sudanesi, somali ed eritrei, temono gli italiani e hanno paura di denunciare

campo di patate a Cassibile

CASSIBILE (SR) – Già da un mese si raccolgono le patate a Cassibile, ma il lavoro per i braccianti stagionali quest’anno scarseggia. E’ diminuito drasticamente per la crisi, non si trovano compratori. Solo chi ha contratti con le grandi aziende riesce a piazzare gli ortaggi sul mercato. Condizioni che aumentano il potere dei caporali. Sono ancora loro a decidere chi lavora, per quanto tempo e per quale cifra. Nonostante gli arresti di Rosarno, nel siracusano il potere di ricatto dei caporali, soprattutto sugli immigrati irregolari è sempre forte. La giornata lavorativa inizia alle sei del mattino e si conclude, dopo otto ore, alle 14. La paga è intorno ai 45 euro. “Cinque euro li trattiene il capo marocchino che ti fa lavorare mentre lui ti controlla tutto il giorno. In più devi dargli tre euro per portarti sul furgone fino ai campi – racconta un bracciante marocchino a Redattore Sociale – devi stare zitto sennò non lavori. Schiena bassa e non puoi dire niente anche quando ti fa stare ore in più senza pagarti. Vorrei denunciarlo ai carabinieri ma ho paura”.

Il guadagno dei caporali, in gran parte marocchini, si basa non solo sulla ‘quota’ di cinque euro al giorno chiesta a ciascun lavoratore per la chiamata e sui tre euro per il trasporto. Siccome il proprietario terriero usa il caporale come intermediario e corrisponde a lui la paga per tutta la squadra, il ‘capo’ cerca di usare un numero inferiore di braccianti, facendoli lavorare per un numero maggiore di ore. In questo modo il caporale trattiene anche una parte dei soldi versati dall’imprenditore agricolo italiano. Un sistema conosciuto in zona, che trova conferma sia dal racconto di Giampaolo Crespi, commerciante di Cassibile, sia dal testimone intervistato da Redattore Sociale. Si tratta di un cittadino marocchino in Italia dal 1999 che vive a Cassibile nella tendopoli allestita dal ministero dell’Interno e gestita dalla Croce Rossa per 130 migranti in regola con il permesso di soggiorno. Quando non è stagione di patate, il ragazzo vive in una casa di un comune del ragusano pagando 150 euro con un coinquilino.

Le denunce sul caporalato e sulla quota degli 8 euro (cinque più tre) per lavorare sono anche apparse sul quotidiano La Sicilia due settimane fa, ma per il momento nulla è cambiato a Cassibile. Anche la situazione con gli italiani resta tesa. Se n’è accorto subito Jamal, un ventiseienne sudanese che vive nella tendopoli della Croce Rossa. Per lui è la prima volta in Sicilia. Parla un buon italiano, è arrivato a Lampedusa nel 2005 dopo un salvataggio in mare da parte di un peschereccio italiano. Ha il permesso di soggiorno per lavoro. Sei mesi fa è stato licenziato da una fabbrica di Terni dove faceva il saldatore da due anni. Non gli è rimasto che tentare la strada delle campagne per sopravvivere. E’ andato in Puglia prima, a Cassibile poi. “Rimango fino ad agosto – dice – ma qui non è un buon posto per noi, alla gente non piacciono i neri. In paese non vado a piedi, ho paura dei ragazzi con gli scooter che ci tirano addosso le pietre. La spesa vado a farla in macchina, usiamo l’auto anche per andare a lavoro, dividiamo la benzina”. I sudanesi sono tanti e mediamente ben organizzati. Qualcuno, come Hassan, era a Rosarno durante gli scontri di gennaio. Alla ‘fabbrica’, l’oleificio Opera Sila di Gioia Tauro, lui e altri giovani fuggiti dalla guerra in Sudan, si erano attrezzati con una tenda e l’antenna televisiva satellitare. Da lì è stato portato dalla polizia al Cara di Crotone e poi è finito con altri a Cassibile. Dice che tornerebbe nel suo paese, “se non ci fosse la guerra laggiù…”

Nella tendopoli accanto all’uscita dell’autostrada ci sono anche somali ed eritrei. Ma non tutti hanno trovato posto sui 130 disponibili e presto esauriti. Così, regolari senza un tetto e irregolari, dormono nelle campagne in vecchi casolari abbandonati, senza servizi igienici. In uno di questi rifugi, a poco distanza dalla tendopoli, abitano 40 sudanesi. Aiya racconta che ci sono 4 stanze più una sala grande dove stanno in 15. A differenza degli altri braccianti che prendono 45 euro al giorno, Aiya dice che a lui ne danno appena 25-30 per otto ore di lavoro a raccogliere patate.

Il quadro della presenza migrante nella zona è completato da circa duecento marocchini che vivono stabilmente a Cassibile e hanno anche una moschea. Una comunità ben radicata sul territorio, ma non integrata. Iniziano a lavorare già a novembre per la semina delle patate. Non c’è una cifra certa, in totale non dovrebbero superare le 500 persone i braccianti immigrati nell’area. “I grossi produttori non hanno interesse a fare lavorare gli operai in nero – spiega Crespi – il problema è andare a vedere cosa succede quando le grosse aziende comprano la merce dai piccoli produttori. Manca un controllo dei sindacati e dell’ispettorato del lavoro sui campi più piccoli”. (vedi lancio successivo) (rc)

© Copyright Redattore Sociale

`Ci dicevano sempre: domani vi paghiamo`

28 aprile 2010 – Rosarno. Una testimonianza
autore dell”articolo Raffaella Cosentino il manifesto

I lavoratori africani stanno denunciando da mesi – agli organi inquirenti italiani – le violenze e lo sfruttamento subito nella Piana di Gioia Tauro. Ma solo dopo i fatti di gennaio le loro parole si sono tramutate in provvedimenti concreti. L`odissea di un gruppo di lavoratori, da Rosarno al Cie di Crotone e di Bari fino a Caserta. “Vi faremo sapere”, dicevano i carabinieri fino a dicembre. Oggi per loro si parla di permesso per protezione umanitaria. E di galera per gli sfruttatori.

Caserta – Avevano denunciato spontaneamente alle forze dell`ordine lo sfruttamento che subivano nei campi. Lo avevano fatto per chiedere il rispetto dei loro diritti. Sono finiti ugualmente nel Centro di identificazione e di espulsione di Bari. Le dichiarazioni dei lavoratori stagionali africani sono all`origine della più grossa indagine giudiziaria realizzata in Calabria sulla rete del caporalato, che coinvolge stranieri e proprietari terrieri italiani dopo i fatti di Rosarno. Grazie alla collaborazione giudiziaria fornita, alcuni di loro hanno potuto lasciare il Cie ed essere inseriti in un programma di protezione. Ma dal racconto di uno di questi testimoni, viene fuori un particolare importante: alcune denunce erano state fatte prima della rivolta di gennaio, rompendo con l`omertà della Piana di Gioia Tauro.

Una possibile chiave di lettura per questa pagina nera della storia repubblicana di cui ancora non esiste una spiegazione chiara. Abbiamo incontrato a Caserta uno dei ragazzi rilasciati dal Cie pugliese e per ragioni di sicurezza ne manteniamo l`anonimato. La sua testimonianza parla di dieci braccianti africani, contattati da un proprietario terriero italiano, per raccogliere le arance per due settimane. Dopo essersi spaccati la schiena nei campi per dodici ore al giorno, hanno ricevuto in totale 700 euro. Da dividere fra tutti. E da cui bisogna sottrarre le 2,50 euro a testa che ogni volta dovevano pagare al caporale che li portava a lavorare in auto da Rosarno a Gioia Tauro. Era dicembre del 2009.

«Per cinque volte siamo andati a chiedere i soldi e l`italiano ci ha sempre risposto: tornate domani – racconta il ragazzo africano – alla fine disse che non aveva i soldi e che se non ci stava bene saremmo dovuti andare dai carabinieri». Secondo il testimone, andarono in sette a riferire del mancato pagamento alle forze dell`ordine, tre dei quali in regola con il permesso di soggiorno e quattro senza documenti. «I carabinieri ci hanno dato un pezzo di carta e ci hanno detto che ci avrebbero fatto sapere ma non ci hanno mai telefonato». Due di questi sette sono finiti nel Cie di Bari subito dopo la rivolta. Ecco com`è successo.

«Ero spaventato perché vivevamo solo in 15 in una casetta, per cui ho pensato fosse meglio andare alla fabbrica (l`ex oleificio Opera Sila) per nascondermi – ricorda – abbiamo detto alla polizia che volevamo andarcene, ma ci hanno risposto che non potevamo lasciare il posto da soli e che ci avrebbero accompagnati alla stazione con il pullman. Invece siamo arrivati al campo di Crotone (il Cara- Cie di Isola Capo Rizzuto, ndr)». Appena scesi dall`autobus, in centinaia sono fuggiti a piedi dirigendosi alla stazione ferroviaria di Crotone, che dista 14 chilometri. Ma il ragazzo africano che intervistiamo a Caserta racconta di essere rimasto nel centro. «Perché gli operatori ci dicevano: dormite qui stanotte e domani vi accompagnamo alla stazione. Il giorno seguente rimandarono all`indomani, intanto ci fotografavano per identificarci e il 13 gennaio siamo stati arrestati e mandati al Cie di Bari». Reato commesso: inottemperanza a una precedente espulsione.

Simona Moscarelli, responsabile dell`ufficio legale dell`Oim, l`Organizzazione internazionale per le migrazioni, che ha seguito il caso con i suoi avvocati spiega: «su 43 reclusi a Bari, benché tutti vittime dello sfruttamento, solo 9 hanno ottenuto di essere messi sotto protezione secondo l`articolo 18». I legali hanno raccolto dagli africani denunce accurate e gli sfruttatori sono stati identificati con numeri di cellulare e targhe delle automobili.

Castel Volturno, la paura degli africani per i blitz delle forze dell’ordine

16/02/2010
12.15
IMMIGRAZIONE

Dopo Rosarno si sono intensificati i controlli verso gli irregolari. Autobus fermati per chiedere i documenti, retate: i racconti degli immigrati e delle associazioni. Viaggio sulla Domiziana, tra business degli alloggi e caporalato

CASTEL VOLTURNO – Blitz delle forze dell’ordine, controlli sui documenti, retate alla ricerca degli stranieri senza permesso di soggiorno. Le operazioni contro gli irregolari intensificate dopo i fatti di Rosarno. Autobus di linea fermati per controllare i documenti dei passeggeri, tra cui ci sono molti lavoratori stagionali africani. Operazioni anche nelle case private in cui alloggiano, spesso in nero, gli africani. Sono le testimonianze frequenti che si raccolgono in questi giorni sulla via Domiziana. Con la statale 18 degli scontri della Piana di Gioia Tauro e la 106 jonica dell’esodo dei rifugiati del Cara di Sant’Anna a Crotone, un’altra strada dei fantasmi con la pelle nera. Ma qui gli invisibili sono una moltitudine. Un vero popolo che nessuno sa quantificare. Si stima dai seimila ai tredicimila senza permesso di soggiorno, spalmati su 27 chilometri di Domiziana. Un nome arrivato dall’antica roma degli imperatori che fa a pugni con il degrado ambientale e sociale di oggi nell’area di Castel Volturno. L’abusivismo edilizio, l’inquinamento dei fiumi e della costa, lo strapotere dei clan della camorra hanno reso questi luoghi una polveriera dell’ennesima guerra tra poveri. Hanno paura gli africani di Castel Volturno. Basta parlare con loro alla fermata degli autobus per sentire le storie dei blitz continui delle pattuglie. Testimonianze raccolte frequentemente da tante associazioni di volontariato e di assistenza legale che prestano la loro opera in zona. Ma anche dall’ex Canapificio di Caserta, ai cui sportelli si rivolgono migliaia di immigrati e rifugiati. Tantissimi hanno raccontato degli autobus di linea fermati per strada dalle forze dell’ordine per controllare chi è senza documenti. Questo soprattutto spaventa gli stranieri, perché, dicono, non era mai successo prima.

La rivolta di Rosarno e le violenze contro i lavoratori stagionali prima e dopo le proteste, con la successiva deportazione dei migranti, hanno avuto una eco profonda anche qui. Sia per le notizie diffuse dalla televisione, sia per i racconti di tanti ragazzi in fuga che hanno trovato rifugio a Castel Volturno ospitati dai connazionali. Gli africani sono convinti che almeno dieci o quattordici di loro siano morti a Rosarno. Una leggenda metropolitana che alimenta il clima di paura in chi ha una vita totalmente precaria.

L’ american palace, Pescopagano, destra Volturno sono alcuni dei luoghi in cui abita l’esercito dei nuovi schiavi. A differenza della Piana di Gioia Tauro, sulla Domiziana non c’è un’emergenza abitativa assoluta, né una concentrazione di lavoratori stagionali nelle bidonville. Anche chi è senza permesso di soggiorno riesce ad affittare una casa. Si tratta di migliaia di villette e palazzi costruiti vicino al mare inseguendo la chimera del turismo di massa. Il miraggio del polo turistico si è infranto con la devastazione ambientale, i rifiuti, gli scarichi industriali e i traffici dei clan. Ruota dunque un grande business dietro la presenza di migliaia di africani che dormono a Castel Volturno e poi vanno a lavorare nell’hinterland Casertano, come stagionali agricoli, magazzinieri sottopagati o nei cantieri. Case fatiscenti e umide, senza riscaldamento e non ristrutturate, che altrimenti non avrebbero mercato, vengono affittate a stranieri senza permesso di soggiorno per 300 o 500 euro al mese. Un posto letto costa dai 120 ai 150 euro. Anche i commercianti guadagnano tutto l’anno per la presenza di questa popolazione ‘aggiuntiva’, non registrata dalle statistiche ufficiali che parlano di circa 23mila abitanti e duemila stranieri regolari. Tantissimi africani sono approdati nel casertano dopo la stagione degli sbarchi a Lampedusa. Altri si sono stabiliti da molti anni e hanno famiglia e bambini piccoli che frequentano le scuole. Molti non parlano la lingua italiana e sono lontanissimi dall’ integrazione. Il territorio su cui insistono le tante comunità e nazionalità è lo stesso, ma ognuno tende a fare gruppo a sé. Sono nati anche tanti piccoli negozietti africani. Alcuni sono sulla strada, altri sono spacci improvvisati nelle case in cui si concentrano gli stranieri. Ad esempio all’American Palace, un palazzone con decine di appartamenti affittati ad africani, una signora che vive in Italia da circa sei anni, con un figlio di otto, aveva aperto uno spaccio. Racconta che ha dovuto chiudere per le denunce fatte ai vigili urbani da un negoziante italiano.
Gli uomini lavorano a giornata con il caporalato. Alle quattro di mattina prendono gli autobus di linea fino alle rotonde stradali che sono fuori dal paese e che loro stessi hanno ribattezzato ‘Kalifoo Ground’, il terreno dove si trovano gli schiavi a giornata (i kalifoo). Lì ci sono i caporali ad attenderli. Va avanti così da anni, sotto gli occhi di tutti, nella terra di nessuno. E’ per questo che qui l’idea di uno sciopero il primo marzo sembra un paradosso lontano e improponibile. (raffaella cosentino)
© Copyright Redattore Sociale


Mail

rightstories@yahoo.it
settembre: 2019
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Pagine

Annunci