Posts Tagged 'Scilla'

Il realismo di Wenders: il regista e l’incontro con un bambino afghano a Riace

Diventa una docu-fiction ‘’Il Volo’’, ultima opera del regista tedesco, girata in Calabria. Il genio del cinema commosso dal vissuto dei rifugiati: “Mi si è spezzato il cuore, qui l’utopia è vera”. La rivoluzione della vita reale in 3D

RIACE (Rc) – Dalla favola alla realtà. Dal cortometraggio alla docu-fiction. Il backstage de “Il Volo” è a sua volta una storia da raccontare. Protagonista Wim Wenders e la sua sensibilità di genio del cinema che, arrivato in Calabria per girare secondo un copione, lo ha completamente stravolto dopo aver conosciuto i rifugiati che vivono a Riace. Dopo aver incontrato lo sguardo di un bambino afghano. Lo ha spiegato lui stesso con una lettera pubblicata da “Il Quotidiano della Calabria” al termine delle riprese. “L’idea di modificare la sceneggiatura mi è venuta pochi giorni fa sulla spiaggia di Scilla, quando il piccolo Ramadullah mi ha guardato negli occhi e mi ha chiesto: Verrai a Riace?”, scrive Wenders. “Insomma, quando ho visto i bambini veri, le persone vere il cuore mi si è spezzato. In confronto con quello che loro hanno dovuto sopportare la nostra storia mi è sembrata quasi irrilevante – continua la lettera – vengono da paesi lontani e adesso vivono qui, in Calabria. E’ strano, ma l’utopia che noi raccontiamo io l’ho vista viva, vera sui loro volti, molto più che nella nostra fiction. Da qui l’idea di aggiungere alla nostra storia un tocco di realtà”. Dice ancora il regista: “Ma c’è un altro motivo importante che mi spinge a modificare il racconto: stiamo girando in 3D e allora mi sono chiesto: cosa c’è di più rivoluzionario che raccontare la vita reale in 3D? Non è mai stato fatto finora”. A far cambiare idea a Wenders è stata un’esigenza di “più realtà, più verità”. Gli otto minuti de “Il Volo”, che potrebbero diventare il doppio in fase di montaggio, sono un concentrato di umanità, con alla base il tema chiave della convivenza.“Sono convinto che in futuro gli uomini dovranno vivere insieme, condividere. Altrimenti sarà la fine per tutti!Vivere insieme è molto meglio che morire insieme..” Con queste parole, il regista di “Paris, Texas” si congeda da Riace e Badolato, i due comuni della costa jonica calabrese protagonisti delle storie di accoglienza a migranti e rifugiati sbarcati sulla costa calabrese e a Lampedusa. Un viaggio che ha arricchito in primis lo stesso Wenders, il quale, nel confronto con la realtà calabra ha cambiato la sua opera nel corso dei dieci giorni di lavorazione. Così “Il Volo” è diventato una docu-fiction di una decina di minuti e non più un cortometraggio, grazie all’inserimento di interviste ai piccoli rifugiati afghani che vivono a Riace e al sindaco del comune della locride, Domenico Lucano, che da dieci anni si occupa dell’integrazione dei migranti. In origine era una favola, protagonisti un sindaco e un bambino che decidono di accogliere gli extracomunitari per ripopolare il paese abbandonato in seguito all’emigrazione degli abitanti originari. La sceneggiatura scritta da Eugenio Melloni era nata da un fatto di cronaca realmente accaduto, vale a dire l’accoglienza a Badolato dei mille curdi sbarcati con la nave Ararat nella notte del 26 dicembre 1996 sulla spiaggia di un altro comune della zona, S.Caterina dello Jonio. La maggiorparte delle riprese ha avuto come location proprio Badolato, tranne per la scena dello sbarco, girata a Scilla per rispettare il copione che parlava di un paese a picco sul mare.
Inaspettatamente gli ultimi ciack sono stati a Riace, dove Wenders ha voluto inserire anche un momento di gioia, con tutti gli immigrati e gli abitanti del paese che dai vicoli corrono convergendo nella piazzetta centrale in un abbraccio al primo cittadino Domenico Lucano, al centro della scena. Poco dopo, al regista è stata conferita dal sindaco la cittadinanza onoraria. Una conclusione da ‘favola vera’, dopo che l’incontro tra Lucano e la troupe alcuni giorni prima sul set a Scilla non era stato dei migliori. Il sindaco infatti si era battuto per fare avere un compenso ai rifugiati che lui stesso aveva accompagnato sulla spiaggia per la scena dello sbarco portandoli all’alba con due autobus dalla costa jonica a quella tirrenica. La produzione infatti non aveva previsto di pagare le comparse, né quelle italiane né gli stranieri. Ma grazie alle proteste di Lucano, i ‘suoi’ rifugiati hanno ottenuto una piccola somma come rimborso per la fatica di avere atteso con i bambini sulla spiaggia per un giorno intero. (raffaella cosentino)
Copyright Redattore Sociale
pubblicato il 21 settembre 2009

Annunci

Rifugiati attori nel corto di Wenders

In una scena si simula uno sbarco sulle coste calabresi. L’incontro del regista con i piccoli afghani di Riace cambia la sceneggiatura. Lo sceneggiatore Melloni: “Vogliamo porre un argine all’alzata di muri nel nostro paese”
BADOLATO (Cz) – “Quanto è durato il tuo viaggio?” “ Poco, solo un anno”. È la risposta data da Hamadzai Ramadullà, un bambino afghano di dieci anni a Wim Wenders e alla sua troupe, quando si sono incontrati a Scilla sul set dell’ultima fatica del regista tedesco, il cortometraggio dal titolo “Il volo” sull’accoglienza dei migranti in alcuni paesi della costa jonica calabrese. “Non avevamo un’idea precisa di cosa volesse dire essere dei rifugiati – racconta il produttore bolognese Mauro Baldanza – quando abbiamo conosciuto sulla spiaggia di Scilla i rifugiati venuti da Riace, ci siamo resi conto delle violenze che hanno subìto queste persone e dell’importanza dell’accoglienza così com’è concepita in Calabria, in piccole comunità gestibili”. Nel film i migranti interpretano se stessi. Uno sbarco è stato simulato sulla spiaggia di Scilla, perché secondo copione, l’arrivo dei profughi avviene in un paese a picco sul mare. La location principale è stata però a Badolato, in provincia di Catanzaro, sul versante opposto della Calabria, quello jonico.
“Wim ha capito i profughi guardandoli negli occhi e ce li ha fatti sentire vicini con poche, semplici parole – continua Baldanza – Prima sapevamo di lavorare per una causa giusta, oggi lo sentiamo”. La finalità sociale dell’opera è sottolineata anche dallo sceneggiatore, Eugenio Melloni, che ha tirato fuori dal cassetto un soggetto scritto anni fa dopo aver letto sui giornali la storia di Badolato e dei curdi ospitati al borgo in abbandono. “E’ una scelta in controtendenza rispetto a quanto accade oggi nel nostro paese – dice Melloni – una decisione dettata dal buon senso, non da ragioni ideologiche o di sicurezza, che si basa sulla considerazione che anche i nostri emigranti colmavano posti lasciati vacanti”. Tanto tempo è passato da quando lo sceneggiatore scrisse questa storia, i cui protagonisti sono un vecchio sindaco e un bambino. “Mi interessava ricordare che anche il Sud nel dopoguerra è stato fortemente colpito dall’emigrazione, è una cosa che fa parte del nostro Dna e un vecchio lo interpreta perché l’ha vissuto anagraficamente”, dice Melloni, “mentre attraverso lo sguardo dei bambini ci sembra più facile accettare l’altro”. Così, l’autore del soggetto si augura di “porre un argine all’alzata di muri nel nostro paese, perché le cose sono peggiorate rispetto a dieci anni fa e l’atteggiamento prevalente oggi rende questa favola ancora più attuale”. Sempre secondo Melloni “Wenders ha affrontato il soggetto con questo spirito: la convivenza è l’elemento cardine nel mondo”.
L’incontro con i piccoli afghani e libanesi, con le donne eritree ed etiopi e con i ghanesi passati dalle carceri libiche, sbarcati a Lampedusa la scorsa estate e approdati con i programmi di accoglienza a Riace, ha profondamente influenzato il lavoro di Wenders, che, pur partendo dalla favola dell’accoglienza, ha inserito sempre più dettagli della realtà dei viaggi della disperazione. Attraverso interviste ai rifugiati di Riace e, secondo indiscrezioni, sarebbe stato aggiunto un incubo fatto da uno dei protagonisti in cui gli immigrati invece di essere accolti, vengono respinti brutalmente. “Il cinema è una continua riscrittura e la sceneggiatura è una parte importante di essa , aperta a tutte le irruzioni possibili, sia quelle creative, sia quelle della realtà”, afferma Melloni. “Il Volo” è stato realizzato con dieci giorni di riprese e ha impegnato 140 persone tra attori e comparse per un costo complessivo di 183.700 euro iniziali. Un budget risicato che la produzione prevede salirà ancora. La Regione Calabria ha cofinanziato il progetto con 70mila euro. Il cortometraggio, che ha il patrocinio dell’Acnur sarà distribuito in tutte le sale stereoscopiche d’Europa e parteciperà alla Mostra del Cinema di Venezia l’anno prossimo, nella categoria riservata alle opere in 3D. Del cast fanno parte: Ben Gazzara nel ruolo del sindaco di Badolato, Luca Zingaretti che interpreta il prefetto, Giacomo Battaglia e Caterina Mannello nei panni della mamma del piccolo protagonista calabrese. (raffaella cosentino)
Cppyright: Redattore Sociale

pubblicato il 21 settembre 2009


Mail

rightstories@yahoo.it
luglio: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Pagine

Annunci