Posts Tagged 'traffico di esseri umani'

Ong afghane contro gli aiuti: “Non vanno al paese e aumentano la corruzione”

28/01/2010
14.43
COOPERAZIONE

Sette delegate della società civile in rappresentanza di 80 organizzazioni umanitarie guidate da donne lanciano l’allarme sulla destinazione degli aiuti: “solo il 5% va ai progetti per le donne”. Selay Ghaffar di Hawca: “le nostre vite sempre a rischio”.

Londra – Mentre la diplomazia internazionale si riunisce nella capitale inglese per finanziare con un fondo internazionale il piano di riconciliazione con i Talebani decido da Karzai e dagli Stati Uniti, le sole donne afghane presenti alla conferenza internazionale criticano la politica degli aiuti attuata dalla comunità internazionale. “Gli aiuti non stanno andando all’Afghanistan, ritornano indietro ai paesi ‘donatori’ attraverso gli stipendi corrisposti ai militari e ai contractors per la sicurezza”, denuncia Washma Frogh, esponente dell’Afghan women network, presente alla Conferenza di Londra. “E’ davvero frustrante che niente sia cambiato per noi dopo 8 anni di guerra”, dice a margine dell’incontro parlando della situazione delle donne a Kabul e nel resto del Paese. Sotto accusa il sistema dei Prt (Provincial reconstruction team), con i militari che si occupano direttamente della ricostruzione attraverso attività Cimic, di cooperazione civile e militare. “I Prt non sono adeguati alla ricostruzione, non conoscono i veri bisogni della gente e le persone li rifiutano perchè li vedono come soldati, inoltre la qualità dell’aiuto è davvero bassa”. E sulla corruzione dilagante, l’attivista afghana è lapidaria: “Il 70% del budget governativo viene dall’estero, dunque devo dire che l’aiuto internazionale ha creato maggiore corruzione”.

Sono sette le delegate della società civile che tra poco presenteranno un documento al vertice dei 60 paesi ospitato alla Lancaster House. Le attiviste dell’Afghan Women Network rappresentano 80 organizzazioni non governative guidate da donne in Afghanistan, di cui 20 più grandi e il resto titolari di piccoli progetti. Tutte operano in una situazione di grave pericolo. “Le nostre vite sono a rischio per due motivi – denuncia Selay Ghaffar dell’ong ‘Humanitarian Assistance for the Women and Children of Afghanistan’ – la società civile ancora non accetta il nostro ruolo e non abbiamo un sostegno reale da parte della comunità internazionale. Basti pensare che solo il 5-7% degli aiuti è diretto a progetti per le donne, noi pensiamo dovrebbe essere almeno il 20-25%”.

Aumento degli aiuti internazionali per lo sviluppo economico oltre alla sicurezza da un lato e lotta alla corruzione del regime politico attualmente al potere sono due dei focus del vertice ospitato dal primo ministro inglese Gordon Brown. Due giorni fa, otto organizzazioni umanitarie impegnate nel Paese, Oxfam, Actionaid, Afghanaid, Care Afghanistan, Christian Aid, Trocaire, Concern e il Consiglio norvegese per i rifugiati (Nrc), hanno diramato un documento che denuncia la ‘militarizzazione’ degli aiuti. Rivolgendosi agli oltre 60 ministri degli Esteri partecipanti all’incontro di oggi, le Ong si sono espresse contro “l’utilizzo da parte delle forze militari internazionali degli aiuti come arma non letale”, con azioni umanitarie e militari di breve respiro che “forniscono una soluzione più temporanea che duratura” e sono “motivate dagli interessi politici dei donatori” e da obiettivi di sicurezza a breve termine. (vedi lanci successivi)(rc)

© Copyright Redattore Sociale

Annunci

IMMIGRAZIONE Sbarcano in Calabria 41 migranti, 21 sono minori: le testimonianze

14/12/2009 17.55 Sono turchi di etnia curda e afgani. Si sono imbarcati su una nave portacontainer in Turchia, i trafficanti li hanno fatti scendere con i gommoni. Viaggio costato fino a 18 mila dollari. I minori raccontano di essere scappati dalle torture dei talebani

Badolato (Cz) – Sono sbarcati ieri sera sulla costa ionica calabrese, tra i comuni di Santa Caterina sullo Ionio e Guardavalle 41 profughi, di cui 21 minori e due donne. Sono turchi di etnia curda e afghani, che si sono imbarcati su una nave portacontainer in Turchia, forse a Istanbul. I minori sono tutti afghani, diciotto sono arrivati in Italia da soli. Secondo la ricostruzione fatta dai migranti e dai carabinieri, la nave che li trasportava si è avvicinata alla costa, navigando da nord verso sud. Per non dare nell’occhio, i trafficanti hanno fatto sbarcare i profughi con un gommone, a più riprese, con una serie di sbarchi, a pochi chilometri di distanza. I migranti sono stati intercettati dalle forze dell’ordine mentre camminavano a piedi sulla strada statale jonica 106. Erano tutti in buone condizioni di salute. Della nave si erano perse le tracce. Accolti nel presidio della Croce Rossa di Badolato (Cz) e dagli operatori del Consiglio Italiano per i Rifugiati (Cir), le 41 persone hanno passato la notte sul pavimento, senza materassi, con il solo conforto di stufe elettriche e coperte. Per gli adulti, c’è già all’ingresso del presidio sanitario un autobus in attesa di portarli al centro di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo (Cara) di Sant’Anna a Isola Capo Rizzuto (Kr). I minori soli, secondo quanto previsto dalla legge italiana, restano nel comune di Badolato. Nella zona non esistono, però, strutture di accoglienza per minori non accompagnati. E’ in corso un vertice tra la prefettura, la questura, i carabinieri e il comune per allestire un centro di emergenza, all’interno di un agriturismo privato. “In Calabria c’è un solo centro per minori stranieri soli, si trova ad Acri, in provincia di Cosenza, e su dieci posti totali, otto sono già occupati”, spiega Daniela Trapasso, responsabile della sede Cir di Badolato. Dietro il viaggio dei profughi, durato anche tre mesi in molti casi, c’è al solito un’organizzazione internazionale ramificata in molti Stati. E’ quanto emerge dal racconto dei ragazzi afghani, che parlano di cifre molto alte pagate per arrivare in Europa. Dai 15mila ai 18mila dollari a persona. Sono partiti da Kabul, Herat, Kandahar, Mazar i Sharif, viaggiando con ogni mezzo, dalle automobili ai cavalli. “Abbiamo cavalcato tra le montagne, camminato a piedi anche dentro l’acqua”- racconta Suleiman. Il tragitto passava per l’Iran e la Turchia, dove poi si sono imbarcati “up to Europe”, senza sapere in quale stato europeo sarebbero arrivati. Vogliono raggiungere la Germania, l’Olanda, la Norvegia, dove hanno fratelli, cugini, parenti. “Le guide cambiavano di paese in paese e parlavano quattro o cinque lingue, farsi, inglese, turco e altre”, spiegano. L’ultimo tratto del viaggio, chiusi all’interno dei container di una nave nel Mediterraneo, è durato nove giorni. Dicono che i trafficanti non erano italiani. “Ci davano pochissimo cibo, giusto per non morire – dice Zahir – poi ci hanno fatti sbarcare con delle piccole barche, il viaggio fino alla riva è stato di cinque, dieci minuti, e ci hanno detto di andare fino alla stazione del treno e che sarebbe stato facile andare dove volevamo parlando in inglese”. La sua espressione è piena di speranza e sollevata, per essere arrivato vivo fin qui. Per essersi lasciato alle spalle le violenze della guerra, anche se non sapeva di venire in Italia. Delle storie tragiche che raccontano, i giovani afghani portano la testimonianza sulla pelle. Suleiman ha 22 anni, e faceva l’elettricista. “Lavoravo per Isaf ma quando i talebani hanno scoperto che ero al servizio degli americani mi hanno rapito sulla strada da Kabul a Farah”, dice. Sulle braccia mostra i segni delle ferite di coltello. Il suo racconto è un fiume in piena: “Mi hanno torturato, sono riuscito a scappare, ho venduto la macchina, un piano della casa di famiglia, altri amici mi hanno prestato soldi e sono partito perché mi avrebbero ucciso”. Ma questo è stato soprattutto lo sbarco dei minori soli. Sayd, 15 anni, è al suo secondo viaggio fuori dalla trappola afghana e di quello precedente porta sulla gamba destra la cicatrice molto grande di un proiettile. Dice che i talebani gli hanno sparato, dopo che era stato rimpatriato a Herat dalla Turchia. Un anno fa, era partito per la prima volta, ma in Turchia, subito dopo la partenza, l’imbarcazione è affondata. Nel naufragio sono morte quattro persone. Sayd racconta di essere stato catturato dalla polizia turca, rispedito a Herat e punito dai Talebani che l’hanno gambizzato. E’ arrivato a Badolato portandosi dietro un fratello di 13 anni, Alì. Un altro fratello vive in Olanda e gli ha mandato i soldi per il viaggio. (rc) © Copyright Redattore Sociale

A piazza Farnese il funerale laico dei migranti morti in mare

Mentre il dittatore libico Muammar Gheddafi è accolto con tutti gli onori a Palazzo Chigi da Silvio Berlusconi, a Roma la manifestazione di protesta ”Io non respingo” con canti, poesie e testimonianze. Denunciati i lati oscuri del trattato Italia-Libia: deportazioni, lager, compravendita di esseri umani

Asmerom Tecleab, come dice il suo nome, viene da Asmara. “Vorrei dire tante cose ma non ho le parole”, si scusa. Non conosce bene la nostra lingua. Solo 8 mesi di italiano alle spalle non bastano per raccontare quanto è pericolosa la Libia e quanta paura fa il mare. “Viaggio”, “sepoltura”, “ritorno”, “morte”, “speranza”:di questo parlano le voci che si levano nel crepuscolo di piazza Farnese. Canti, poesie, letture di attori e di migranti si alternano tra le due fontane e il palazzo maestoso che dà il nome alla piazza. Una cornice solenne per un funerale laico. Così la protesta delle associazioni – Fortress Europe, Asinitas onlus, gli autori di “Come un uomo sulla terra”, e le scuole di italiano per stranieri della capitale – per chiedere a Italia e Libia il rispetto dei diritti umani passa per il rito collettivo del ricordo dei morti in mare. Degli annegati privati del nome e dei documenti, ingoiati dal Mediterraneo senza tombe e senza una parola pubblica a commemorarli. “Quante stelle sono cadute?” recita un cartellone. Mostra una barca in mare tra l’Africa e l’Italia, carica di profughi sotto un cielo di stelle cadenti. Il disegno nasce dalle parole di Asmeron, scritte nel suo italiano semplice per la scuola di Asinitas. Un ventottenne eritreo con una laurea in matematica che a Roma non vale nulla. Asmeron il rifugiato politico, insegnante nella sua vita passata, che ora non trova lavoro. Racconta alla piazza una leggenda del suo popolo: quando cade una stella si dice che qualcuno stia morendo. E allora per ogni tragedia del mare il cielo è illuminato “con la luce di tutti quelli che hanno perso la vita”, dice ai manifestanti seduti in semicerchio attorno a lui.

“Come si possono fare accordi con un dittatore?”, hanno scritto altri rifugiati eritrei su un cartello. La loro nazionalità è la più diffusa tra chi ha l’asilo politico in Italia. Dal 2005 ne sono arrivati 6 mila via mare, secondo Fortress Europe. “Non si è fatto parlare il Dalai Lama alla Camera e ora si riceve Gheddafi al Senato”, dice amaro Bruno Mellano, presidente dei Radicali italiani. Sono l’unica forza politica presente in piazza con striscioni e bandiere. Mentre a poca distanza il dittatore libico è accolto con tutti gli onori a Palazzo Chigi, al sit in si vedono solo gli onorevoli Rosa Calipari e Jean Leonard Touadì del partito Democratico. Interviene Marco Pannella e dipinge un quadro a tinte fosche della situazione politica.”L’Italia dovrebbe essere democratica e non lo è, non c’è una democrazia da salvare, c’è una democrazia da creare”, afferma il leader radicale. E sul trattato con la Libia, dice: “diamo i soldi dello Stato a un dittatore fascista che da quarant’anni opprime e massacra il popolo libico al posto nostro. In questo modo finanziamo altri 40 anni di fascismo”. Anche padre Giorgio Poletti, missionario comboniano, parroco degli immigrati da 14 anni a Castelvolturno ha parole dure per gli italiani. “Abbiamo una mentalità da Deserto dei Tartari, dominata dall’egoismo, dal rifiuto dei sacrifici e dei progetti politici impegnativi”, dice. I comboniani il 20 giugno, in occasione della giornata mondiale del rifugiato, distribuiranno “i permessi di soggiorno in nome di Dio” in oltre 25 città.

Gli studenti dell’Onda promettono proteste massicce alla Sapienza, che a Gheddafi oggi ha riservato l’aula magna. Il collettivo Blackout tenterà nel pomeriggio un’incursione a Villa Doria Pamphili, dove è stata impiantata la tenda del colonnello. Continuano nei prossimi giorni le iniziative di chi ritiene il regime libico inadeguato a prendersi carico dei rifugiati. Di chi chiede una commissione d’inchiesta internazionale e la liberazione dei profughi dimenticati in fondo alle celle delle carceri in mezzo al deserto. Una lunga maratona iniziata ieri a Milano con una proiezione all’ambulatorio medico popolare e presidi davanti al consolato libico e arrivata fino a Cinisi, con un dibattito alla Casa della Memoria dedicata a Felicia e Peppino Impastato. Al centro, la manifestazione di Piazza Farnese per legare una rete di associazioni sparsa per tutto il Paese.
Deportazioni nei container, lager finanziati dall’Italia, migranti venduti dai poliziotti corrotti per 30 denari. Sono i lati oscuri del patto con Gheddafi raccontati da Gabriele del Grande. “Recentemente Amnesty ha visitato la Libia, prima c’era stato Human Rights Watch”, ha denunciato il giornalista,”In questo momento la Libia conosce una specie di apertura, si fanno entrare alcuni giornalisti per visitare alcuni campi di detenzione. Ma sono quelli “a cinque stelle”, finanziati dall’Europa. Lì si porta la stampa, a Kufrah non si porta nessuno”. (rc)

© Copyright Redattore Sociale


Mail

rightstories@yahoo.it
ottobre: 2019
L M M G V S D
« Mar    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Pagine

Annunci