Posts Tagged 'vittime dello sfruttamento'

Cassibile, con la crisi aumenta il ricatto del caporalato

04/05/2010

10.18
IMMIGRAZIONE

Nessuna tutela in più dopo Rosarno: sono sempre i caporali a gestire il lavoro, che scarseggia. Il racconto dei braccianti: sono meno di 500 tra marocchini, sudanesi, somali ed eritrei, temono gli italiani e hanno paura di denunciare

campo di patate a Cassibile

CASSIBILE (SR) – Già da un mese si raccolgono le patate a Cassibile, ma il lavoro per i braccianti stagionali quest’anno scarseggia. E’ diminuito drasticamente per la crisi, non si trovano compratori. Solo chi ha contratti con le grandi aziende riesce a piazzare gli ortaggi sul mercato. Condizioni che aumentano il potere dei caporali. Sono ancora loro a decidere chi lavora, per quanto tempo e per quale cifra. Nonostante gli arresti di Rosarno, nel siracusano il potere di ricatto dei caporali, soprattutto sugli immigrati irregolari è sempre forte. La giornata lavorativa inizia alle sei del mattino e si conclude, dopo otto ore, alle 14. La paga è intorno ai 45 euro. “Cinque euro li trattiene il capo marocchino che ti fa lavorare mentre lui ti controlla tutto il giorno. In più devi dargli tre euro per portarti sul furgone fino ai campi – racconta un bracciante marocchino a Redattore Sociale – devi stare zitto sennò non lavori. Schiena bassa e non puoi dire niente anche quando ti fa stare ore in più senza pagarti. Vorrei denunciarlo ai carabinieri ma ho paura”.

Il guadagno dei caporali, in gran parte marocchini, si basa non solo sulla ‘quota’ di cinque euro al giorno chiesta a ciascun lavoratore per la chiamata e sui tre euro per il trasporto. Siccome il proprietario terriero usa il caporale come intermediario e corrisponde a lui la paga per tutta la squadra, il ‘capo’ cerca di usare un numero inferiore di braccianti, facendoli lavorare per un numero maggiore di ore. In questo modo il caporale trattiene anche una parte dei soldi versati dall’imprenditore agricolo italiano. Un sistema conosciuto in zona, che trova conferma sia dal racconto di Giampaolo Crespi, commerciante di Cassibile, sia dal testimone intervistato da Redattore Sociale. Si tratta di un cittadino marocchino in Italia dal 1999 che vive a Cassibile nella tendopoli allestita dal ministero dell’Interno e gestita dalla Croce Rossa per 130 migranti in regola con il permesso di soggiorno. Quando non è stagione di patate, il ragazzo vive in una casa di un comune del ragusano pagando 150 euro con un coinquilino.

Le denunce sul caporalato e sulla quota degli 8 euro (cinque più tre) per lavorare sono anche apparse sul quotidiano La Sicilia due settimane fa, ma per il momento nulla è cambiato a Cassibile. Anche la situazione con gli italiani resta tesa. Se n’è accorto subito Jamal, un ventiseienne sudanese che vive nella tendopoli della Croce Rossa. Per lui è la prima volta in Sicilia. Parla un buon italiano, è arrivato a Lampedusa nel 2005 dopo un salvataggio in mare da parte di un peschereccio italiano. Ha il permesso di soggiorno per lavoro. Sei mesi fa è stato licenziato da una fabbrica di Terni dove faceva il saldatore da due anni. Non gli è rimasto che tentare la strada delle campagne per sopravvivere. E’ andato in Puglia prima, a Cassibile poi. “Rimango fino ad agosto – dice – ma qui non è un buon posto per noi, alla gente non piacciono i neri. In paese non vado a piedi, ho paura dei ragazzi con gli scooter che ci tirano addosso le pietre. La spesa vado a farla in macchina, usiamo l’auto anche per andare a lavoro, dividiamo la benzina”. I sudanesi sono tanti e mediamente ben organizzati. Qualcuno, come Hassan, era a Rosarno durante gli scontri di gennaio. Alla ‘fabbrica’, l’oleificio Opera Sila di Gioia Tauro, lui e altri giovani fuggiti dalla guerra in Sudan, si erano attrezzati con una tenda e l’antenna televisiva satellitare. Da lì è stato portato dalla polizia al Cara di Crotone e poi è finito con altri a Cassibile. Dice che tornerebbe nel suo paese, “se non ci fosse la guerra laggiù…”

Nella tendopoli accanto all’uscita dell’autostrada ci sono anche somali ed eritrei. Ma non tutti hanno trovato posto sui 130 disponibili e presto esauriti. Così, regolari senza un tetto e irregolari, dormono nelle campagne in vecchi casolari abbandonati, senza servizi igienici. In uno di questi rifugi, a poco distanza dalla tendopoli, abitano 40 sudanesi. Aiya racconta che ci sono 4 stanze più una sala grande dove stanno in 15. A differenza degli altri braccianti che prendono 45 euro al giorno, Aiya dice che a lui ne danno appena 25-30 per otto ore di lavoro a raccogliere patate.

Il quadro della presenza migrante nella zona è completato da circa duecento marocchini che vivono stabilmente a Cassibile e hanno anche una moschea. Una comunità ben radicata sul territorio, ma non integrata. Iniziano a lavorare già a novembre per la semina delle patate. Non c’è una cifra certa, in totale non dovrebbero superare le 500 persone i braccianti immigrati nell’area. “I grossi produttori non hanno interesse a fare lavorare gli operai in nero – spiega Crespi – il problema è andare a vedere cosa succede quando le grosse aziende comprano la merce dai piccoli produttori. Manca un controllo dei sindacati e dell’ispettorato del lavoro sui campi più piccoli”. (vedi lancio successivo) (rc)

© Copyright Redattore Sociale

Annunci

Rosarno, 5 euro per un mese di lavoro

03/05/2010

16.48
IMMIGRAZIONE
Due stagionali burkinabè e un cittadino rosarnese sono stati fermati dalla polizia mentre discutevano del mancato pagamento per il lavoro prestato nei campi. Il tutto mentre erano in corso i comizi dei sindacalisti per il primo maggio

Rosarno – Cinque euro per un mese di lavoro. L’ennesimo episodio di sfruttamento degli africani nella cittadina calabrese si è consumato mentre i leader sindacali di Cgil, Cisl e Uil intervenivano sul palco del primo maggio. In una delle vie adiacenti a piazza Valarioti, due stagionali burkinabè e un cittadino rosarnese sono stati fermati dalla polizia nel corso di una discussione sul mancato pagamento di uno dei due stranieri per il lavoro prestato nei campi. Il tutto è avvenuto sotto gli occhi dei passanti e di alcuni manifestanti.

“Ho lavorato per un mese, raccogliendo 60 cassette di arance e tutto quelllo che ne ho ricavato sono queste cinque euro” ha raccontato il lavoratore africano, stringendo in un pugno una banconota. Secondo la testimonianza del bracciante burkinabè, dopo la fine della raccolta, l’italiano non si è fatto più trovare, senza pagargli neanche una giornata di lavoro. L’africano, accompagnato da un connazionale, ha incontrato per caso il suo datore di lavoro per la strada e ha preteso il pagamento. A quel punto l’italiano gli ha dato cinque euro per trarsi d’impaccio. I due africani cercavano al contrario di trattenerlo e ne è nata una discussione accesa. Un giovane passante di Rosarno suggeriva al ragazzo africano di stare zitto, dicendogli: “ti metti d’accordo dopo, lo vai a trovare a casa”. Gli agenti di polizia che si trovavano in servizio per la manifestazione sono intervenuti e hanno fermato le tre persone coinvolte, l’italiano e i due stranieri, portandole al commissariato di Gioia Tauro per l’identificazione. Sono stati tutti rilasciati dopo poco. Il lavoratore del Burkina Faso era arrivato per la prima volta nella cittadina calabrese a febbraio, dopo gli scontri. In precedenza viveva a Castel Volturno. (raffaella cosentino)

© Copyright Redattore Sociale

La verità su Rosarno: i primi morti vent’anni fa

15/02/2010
14.49
IMMIGRAZIONE

Le aggressioni iniziate nel 1990 e riportate alla luce dal giornalista Alessio Magro nel dossier Arance Insanguinate di daSud Onlus. “Colpire i neri diventa un rito di iniziazione per i giovani aspiranti ‘ndranghetisti della Piana”

Reggio Calabria – Rosarno e gli immigrati africani: una scia di sangue, feriti e morti lunga vent’anni. E’ su queste vittime dimenticate che fa luce il Dossier Arance Insanguinate, pubblicato dall’associazione contro la ‘ndrangheta daSud Onlus, che dal 2005 lavora per riportare alla luce le storie delle vittime delle ‘ndrine. Si chiamavano Abdelgani Abid e Sari Mabini. Avevano vent’anni nel 1992, quando la loro vita si fermò in un agguato mafioso a Rosarno. Erano algerini. Veniva invece dalla Costa d’Avorio Mourou Kouakau Sinan, ucciso in una sparatoria due anni dopo, nel 1994. E nel 1996 un africano tra i 25 e i trent’anni viene ritrovato nelle campagne di Laureana di Borrello in avanzato stato di decomposizione. Milite ignoto di questa guerra dello sfruttamento mafioso del lavoro immigrato, per cui nessuno ha eretto un monumento. “Era un fantasma, lo è anche da morto”, scrive il giornalista calabrese Alessio Magro, autore dell’articolo “Vent’anni fa i primi morti. Dimenticati”. Il documento fa parte dell’archivio online Stopndrangheta.it e ricostruisce il passato del razzismo mafioso nella Piana di Gioia Tauro. Il dossier, presentato oggi nel palazzo della Provincia di Reggio Calabria e il 18 febbraio a Roma al Nuovo Cinema Aquila nel corso di un’assemblea cittadina verso il Primo marzo, raccoglie materiale eterogeneo, a partire dai primi articoli del 2006. Notizie, fotografie, video e approfondimenti, online e in versione cartacea, con all’interno anche i reportage di Redattore Sociale che lanciavano l’allarme sull’emergenza umanitaria di Rosarno. Il documento sarà portato oggi alla commissione parlamentare antimafia in visita nella città dello Stretto e domani a una delegazione del Parlamento europeo, che incontrerà le associazioni a Lamezia Terme.

“Le aggressioni ai neri iniziano nel 1990 – si legge nel dossier- la sera del 10 settembre a subire una gambizzazione a colpi di pistola è il giovane 28enne Mohamed El Sadki. Stessa sorte tocca un anno dopo, il 23 dicembre del ’91, all’algerino 24enne Mohammed Zerivi”. Un mese dopo, il 27 gennaio del ’92 due giovani algerini Malit Abykzinh, di 24 anni e Boumtl Rabah, di 27 anni, finiscono in ospedale. Il primo con ferite gravissime all’addome, il secondo con una mano trapassata dai proiettili. Rientrando a casa avevano sopreso dei ladri che cercavano di forzare la porta e che gli avevavo sparato contro. Furti senza logica, perché prendono di mira case poverissime, sparatorie continue verso gli ultimi arrivati, che sono i più deboli. Negli archivi è rimasta traccia degli episodi più tragici, ma tantissime altre violenze e forse altri morti mai rivendicati da nessuno, cadaveri senza identità, sono nascosti nel passato di Rosarno. E’ questa l’ipotesi che prende corpo nel dossier. “Colpire i neri diventa quasi un rito di iniziazione per i giovani aspiranti ‘ndranghetisti della Piana”.
A fine gennaio del 1992 viene arrestato un giovane rosarnese per le rapine agli africani. In paese il clima diventa ancora più difficile per gli immigrati. Nella notte dell’11 febbraio, tre algerini vengono fermati per le strade e fatti salire in auto con la promessa di un lavoro in campagna. E’ un agguato. In località Scattareggia, una zona isolata, vengono colpiti a pistolettate. Due muoiono. Si tratta di Abid e Mabini. Il terzo, un diciannovenne di nome Murad Misichesh fugge ferito al collo. Con una fucilata al petto muore Mourou Kouakau Sinan, 41 anni, ivoriano. E’ il 18 febbraio del 1994 e nella sparatoria difronte a un casolare diroccato restano feriti anche due ragazzi del Burkina Faso, Bama Moussa, di 29 anni e Homade Sare, di 31. Ancora una volta teatro dell’agguato è un rifugio di fortuna in cui dormono in 15. (vedi lancio successivo) (raffaella cosentino)
© Copyright Redattore Sociale


Mail

rightstories@yahoo.it
luglio: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Pagine

Annunci